domenica, 18 Agosto 2019 - 23:54
Home / Notizie / Attualità / Fiat 500 si lancia in Russia: il cinquino sbarca a Mosca con il car sharing
car sharing

Fiat 500 si lancia in Russia: il cinquino sbarca a Mosca con il car sharing

Tempo di lettura: 1 minuto.

Se il car sharing è sempre più d’attualità nel nostro paese, la stessa cosa si può dire di altre nazioni più o meno lontane. È il caso della Russia, dove il servizio di noleggio locale Delimobil ha annunciato l’arrivo in flotta di Fiat 500.

La city car più popolare in Europa, e non solo, andrà così a rinfoltire la flotta che attualmente conta 7.500 vetture, per un totale di 2.400.000 iscritti e circa 42.000 noleggi ogni giorno nelle maggiori città della Russia.

La filiale russa di FCA fornirà una flotta di 50 Fiat 500 inizialmente solo per la città di Mosca, dopo la recente presentazione sul mercato russo in occasione dell’evento “Grand Italia Fest” svoltosi nella capitale.

I motivi che hanno portato alla scelta della Fiat 500 riguardano principalmente l’attrattiva che questa vettura esercita sui futuri utenti del car sharing, come spiegato da Mukhit Seidakhmetov, CEO di Delimobil: “Attualmente ogni nostra vettura viene noleggiata in media 13 volte al giorno. Secondo le nostre stime, Fiat 500 può superare questo numero di utilizzo giornaliero. Continueremo a lavorare per espandere il nostro parco vetture FCA in ciascuna delle nuove forme di mobilità i cui siamo presenti”. 

La volontà di Fiat di entrare prepotentemente nel car sharing russo nasce dall’analisi delle tendenze in atto nel paese governato da Vladimir Putin. Anche a Mosca e dintorni, sta cambiando il concetto di possesso e la flessibilità è una delle caratteristiche che le persone ricercano sempre più spesso nei servizi, come testimoniato dal boom del noleggio a lungo termine.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Milano Monza Open-Air Motor Show 2020

Milano Monza Open-Air Motor Show è il nuovo nome del Salone Parco Valentino

Dopo cinque edizioni di successo al Parco Valentino di Torino, l’omonimo Salone dell’Auto si sposta …