in

Fiat Professional al fianco del Team Yamaha

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione dei test MotoGP 2014 in via di svolgimento a Sepang (Malesia), è stata presentata ufficialmente lapartnership tra il Team Yamaha Factory Racing e Fiat Professional.

In particolare, sul cupolino delle due Yamaha YZR-M1 di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi spicca il logo di Fiat Professional, il marchio del Gruppo Fiat dedicato ai veicoli commerciali, che sarà Official Sponsor e Official Supplier della squadra giapponese impegnata nel Campionato Mondiale MotoGP 2014.

Inoltre, per suggellare la partnership il logo sarà presente anche nella comunicazione ufficiale del Team e sui backdrop per le interviste, oltre che sulle poltrone poste nei box. Non solo. Alcune vetture del Gruppo Fiat saranno a disposizione del Team Yamaha Factory Racing in occasione delle gare MotoGP 2014 mentre altri mezzi – tra veicoli commerciali e vetture – accompagneranno il management Yamaha Motor Racing nei loro trasferimenti in Italia nel corso del 2014.

Con un palmares di 6 titoli vinti dal 2004, Yamaha Factory Racing è uno dei Team di maggiore successo al mondo. Allo stesso modo, il marchio Fiat Professional si dimostra una delle ʻsquadre’ più forti e determinate in Europa. Merito dell’ampia gamma di veicoli che rispondono puntualmente alle necessità nel trasporto professionale delle piccole e medie imprese. Tra le caratteristiche vincenti di tutti i modelli Fiat Professional ci sono ridotti costi di gestione, consumi ed emissioni contenuti, affidabilità e robustezza, prestazioni, comportamento dinamico ed ergonomia di guida.

La collaborazione tra Fiat Professional e il Team Yamaha Factory Racing conferma l’attenzione che il brand dedica a tutti coloro che sono impegnati, con passione e determinazione, nel proprio lavoro qualunque sia la mansione o l’ambito professionale, compreso il mondo dello sport agonistico.

Proprio per gli ‘addetti ai lavori’, ma anche per i semplici appassionati di motociclismo, il marchio Fiat Professional propone un kit di trasporto moto per Doblò, Scudo e Ducato. Ciò andrà incontro a chi ha esigenza, per uso privato o agonistico, non solo di trasportare la propria moto in modo sicuro e veloce ma anche di avere a disposizione uno spazio per cambiarsi d’abito e, all’occorrenza, una vera e propria officina mobile per interventi di manutenzione o riparazione ‘on-site’. Inoltre è possibile trasportare due moto affiancate purché di dimensioni adatte. Dunque, il kit è una valida alternativa all’utilizzo del carrello, soprattutto nei tragitti di medio-lungo raggio dove la limitazione della velocità rappresenta un vincolo, oltre a ridurre i rischi, durante eventuali soste, nel lasciare la moto incustodita o esposta a intemperie.

fiat porta moto14

In dettaglio, il kit si compone di una pedana pieghevole, comoda e leggera, grazie alla costruzione 100% in alluminio, che poggia saldamente al pianale grazie ai piedini antiscivolo. Il blocca ruota anteriore, permette di bloccare la moto in equilibrio e di vincolarla facilmente con le cinghie fissate a comode guide sul pavimento. Non ultimo, il kit è commercializzato nei maggiori mercati europei ed è smontabile in pochi minuti riportando così il veicolo alla configurazione originale.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

BMW Serie 4 Gran Coupé

Abarth protagonista del nuovo Campionato Formula 4 Aci-Csai