in

Ford prosegue sulla guida autonoma, in collaborazione con DP World

guida autonoma ford
Tempo di lettura: 2 minuti

Ford Motor Company continua a credere nella guida autonoma, “fenomeno” passato in sordina rispetto a diversi anni fa quando queste tecnologie sembravano essere al centro delle attenzione, e degli investimenti. Tutto prima che arrivasse l’elettrico, ma non è questo di cui parliamo oggi. DP World London Gateway e la Casa dell’Ovale Blue hanno condotto una prova con un veicolo autonomo simulato, per dimostrare quanto possa essere utile questa tecnologia per coloro che gestiscono – e lavorano – nei grandi cantieri.

L’iniziativa fa parte del programma di ricerca Ford sulla guida autonoma, progettato per aiutare le aziende a capire come i veicoli autonomi possano riuscire ad apportare benefici alle loro operazioni. Lanciato per la prima volta a giugno allo scopo di esplorare il potenziale impatto sui servizi dei corrieri e sulle consegne a domicilio, la sperimentazione di DP World era volta a testare come i destinatari riuscissero a gestire l’accesso ai veicoli di consegna a guida autonoma.

È stato incredibile vedere con quanto entusiasmo il team di DP World ha svolto il lavoro con il supporto di un veicolo a guida autonoma. Stiamo continuando a collaborare a stretto contatto con i nostri clienti per cercare di capire come questi veicoli possono apportare benefici alle loro attività ed è emozionante vedere in prima persona l’impatto che questo può avere in differenti ambiti“, ha detto Richard Balch, Director, Autonomous Vehicles and Mobility, Ford of Europe. “Ciò che ha funzionato così bene presso la sede di DP World potrebbe essere ugualmente utile nelle università, negli aeroporti e negli impianti di produzione“.

Ford and Hermes Explore the Future of Doorstep Deliveries

Ford ha testato la tecnologia di guida autonoma nelle principali città degli Stati Uniti in collaborazione con Argo AI. L’azienda prevede di investire circa 7 miliardi di dollari (6,02 miliardi di euro) in veicoli autonomi in 10 anni fino al 2025, 5 miliardi di dollari (4,3 miliardi di euro) dal 2021 in poi, come parte delle sue iniziative di mobilità.

Veicolo “laboratorio” un per imitare l’aspetto di un vero veicolo a guida autonoma con un autista nascosto all’interno di un Human Car Seat. I dipendenti presso l’edificio della reception dell’azienda hanno caricato i pacchi in armadietti sicuri nella parte posteriore del Transit. Poi, agli orari di consegna stabiliti, il Transit si è diretto verso la reception principale a 3,5 km di distanza in modo che i colleghi potessero recuperarli. In condizioni normali, il personale recupera i pacchi dalla reception in assoluta autonomia. Anche se richiedono tempo, questi viaggi non giustificano l’impiego di un autista a tempo pieno.

Avere a disposizione quello che sembra a tutti gli effetti un veicolo a guida autonoma, ha creato un vero e proprio fermento. Tutti volevano usarlo. Salire in auto per ritirare un pacco da un’altra parte del sito potrebbe apparire un’operazione non dispendiosa in termini di tempo, ma se si considerano i molteplici viaggi fatti nel corso di settimane, mesi e anni, allora è facile comprendere come questa operazione possa richiedere un sacco di tempo e di denaro“, ha detto Ernst Schulze, UK Chief Executive di DP World.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    crisi dei microchip

    Crisi dei microchip: Stellantis e Foxconn uniscono le forze per trovare soluzioni

    sciopero benzinai

    Il petrolio crolla ancora, la benzina non scende