in

Formula 1: Leclerc si gode la pausa estiva sullo Yacht Riva

Tempo di lettura: 2 minuti

Mentre il ritorno in pista si avvicina, il pilota monegasco della Ferrari, Charles Leclerc, si gode e si rilassa nei giorni della pausa estiva. Lo stop temporaneo del campionato mondiale di F1 sta facendo rigenerare tutti i protagonisti del circus, incluso Leclerc, che ha deciso di rigenerarsi in Sardegna a bordo dello yacht Riva che è anche sponsor della Scuderia.

Formula 1: Leclerc si gode la Sardegna e la pausa estiva

Riva, infatti, non è solo un brand di imbarcazioni, è anche uno dei principali sponsor della Ferrari in Formula 1 ed il logo del brand nautico fa bella vista proprio sul casco di Leclerc, che si è regalato il suo nuovo yacht. Il monegasco se lo sta godendo sulle coste della Sardegna. È un’imbarcazione di gran lusso, il suo nome è “Sedici” come il numero di gara di Leclerc, si tratta nello specifico di un modello della famiglia 66’ Ribelle, che include alcuni dei prodotti di punta del cantiere di Sarnico. Il motore è un Man V12 da oltre 24 litri e 1.550 CV, mentre la lunghezza è di poco superiore ai 20 metri. Per il monegasco non si tratta del primo yacht Riva, avendo già posseduto un 48 Dolceriva, da lui battezzato “Monza”. Com’è noto, il celebre cantiere italiano fa parte del gruppo Ferretti, il cui Comitato strategico di prodotto è presieduto dall’ingegner Piero Ferrari.

Formula 1: Leclerc sul suo nuovo Riva, ma occhio ad un accessorio

Sia Leclerc che Riva hanno postato congiuntamente le foto dell’imbarcazione. Dagli si scatti si nota anche un altro costoso particolare, si tratta dell’orologio che il driver del Cavallino Rampante sfoggia al polso. È un Richard Mille, il che porta subito alla mente il clamoroso furto da lui stesso subìto a Viareggio nel mese di aprile. In quel caso l’orologio era un Richard Mille RM 67-02, un cronografo che, stando a quanto riportano le notizie più recenti, sarebbe poi finito per un decimo del suo valore nelle mani di un imprenditore spagnolo, tifoso del pilota.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Vittorio Sgarbi

    Sgarbi “litiga” con la Svizzera per una multa: partono le critiche e lui si giustifica

    Navette guida autonoma a Torino: iniziano i test, da ottobre si parte