sabato, 20 ottobre 2018 - 6:00
Home / Notizie / Attualità / Free2Move: l’app per vivere le nuova mobilità d’oggi e del futuro
Free2Move

Free2Move: l’app per vivere le nuova mobilità d’oggi e del futuro

Tempo di lettura: 2 minuti.

Free2Move: ecco come funziona l’app del Gruppo PSA, la formula per sperimentare la nuova mobilità urbana, un nuovo modo di vivere l’auto.

Free2Move risponde alle sfide odierne di mobilità urbana

Seguendo la filosofia del Gruppo PSA, l’app Free2Move è la risposta efficiente, economica e responsabile a un cambiamento in atto oramai da tempo. Ma come si arriva a questa nuova formula?

Il Gruppo PSA ragiona su un mondo in cui nel 2050 si ipotizza che il 70% della popolazione generale abiterà nelle città. L’esigenza di promuovere la mobilità acquisisce un carattere di grande importanza. Tutto porta a credere che, in futuro, il panorama della mobilità sarà radicalmente diverso rispetto a quello odierno.

Basti pensare alle limitazioni della circolazione legate all’inquinamento, alla congestione cronica del traffico e alle difficoltà di parcheggio. Tali fattori spingeranno man mano gli automobilisti a ripensare il modo di usare il proprio veicolo.

Di conseguenza, secondo questo ragionamento molte persone nei grandi centri urbani avranno la tendenza a ricorrere all’automobile “on demand”: ad esempio noleggiandola per un week-end, usando un veicolo da trasporto con conducente (tipo Uber) o ancora in car-pooling (es. Blablacar). Questo trend porta a pensare, peraltro, a un utilizzo di servizi diverso rispetto all’automobile, come le biciclette, gli scooter, ecc.

Arriviamo al “dunque”: l’app aumenta la libertà di movimento

Perché tutta questa spiegazione infinita? Se col passare del tempo aumentasse la concentrazione demografica e di traffico urbano, una buona soluzione di mobilità è quella che permette di soddisfare un’esigenza “del momento”. Ciò significa che lo stesso individuo deve potere accedere a diverse modalità di trasporto e scegliere quella che gli permetterà di andare da un punto a un altro nel modo più efficiente, economico e responsabile possibile.

Qui entra in gioco Free2Move. Basandosi sulle constatazioni suaccennate, nel 2016 Groupe PSA ha lanciato il suo nuovo marchio di mobilità: Free2Move, che si propone di facilitare e aumentare la libertà di movimento dei suoi clienti, offrendo loro (dovunque si trovino e in qualunque momento) le soluzioni e i servizi migliori per spostarsi.

Il suo obiettivo? Diventare entro il 2030 il fornitore di servizi di mobilità di riferimento sia per le persone (che possiedano o meno un veicolo) sia per le aziende.

Uno sviluppo che continua

L’offerta di servizi di mobilità, operata direttamente o tramite partner, soddisfa già le esigenze di 1,8 milioni di clienti nel mondo con:

  • Operatori di car-sharing urbani (Emov a Madrid e a Lisbona, Communauto, Bluely a Lione e Bluecub a Bordeaux),
  • Operatori di noleggio tra privati (TravelCar, Koolicar),
  • Operatori di veicoli per il noleggio privato; veicoli con conducente (Uber, Clever Shuttle, AlloCab)
  • La rete di concessionari (Peugeot Rent, DS Rent e Citroen Rent&Smile).

L’applicazione Free2Move ora sta vivendo solo una prima tappa, perché intende integrare prossimamente le altre modalità di trasporto (trasporti pubblici, taxi, ecc.).

Autore: Simone Arnulfo

Potrebbe interessarti

No Smog Mobility

Cala il sipario su No Smog Mobility: le conclusioni della due giorni a Palermo

Se Palermo è agli ultimi posti per spazi verdi, nel capoluogo siciliano si parla di …

something