in

Gamma Jeep ibrida: dopo le 4xe, Compass e Renegade diventano e-Hybrid

Tempo di lettura: 3 minuti

Non c’è due senza…quattro. Dopo l’esordio, datato 2020, dell’ibrido plug-in 4xe sulla gamma Jeep, proprio in questi giorni vengono lanciate le due nuove arrivate, le e-Hybrid. Non cambiano i modelli, parliamo sempre di Renegade e Compass, già primatiste tra le ibride in Italia (1 Jeep su 3 vendute a inizio 2022 è stata una 4xe), bensì i motori. 

Vi avevamo già parlato del nuovo e-Hybrid, motore che permette di proseguire sulla strada dell’elettrificazione e nel perseguire l’obiettivo che in Jeep chiamano “Zero Emission Freedom”. Presso Casa Format, a pochi chilometri da Torino, Jeep ha presentato l’intera gamma ibrida sfruttando l’energia prodotta dal sistema fotovoltaico della struttura. Così sono state ricaricate le Jeep 4xe, mentre le nuove Jeep ibride e-Hybrid non hanno necessità di connettersi alla spina. 

Si parla di due ruote motrici, non più 4×4 elettrificato, ma non per questo le nuove Jeep e-Hybrid sono prive di una modalità elettrica che le permette di viaggiare a zero emissioni durante particolari fasi di guida come in manovra e nella marcia a bassissima velocità: sono le cosiddette EV Capabilities, già oggetto di un nostro approfondimento sul nuovo motore 1.5 GSE che è già finito sui cofani di Alfa Romeo Tonale, Fiat 500X e Fiat Tipo. 

Jeep e-Hybrid: come si guidano? La guida passo per passo

La vettura, innanzitutto, si avvia in full electric, quindi in totale silenzio (e-Launch). Nei primi metri, ci si accorge subito della capacità di rigenerare energia grazie all’e-Coasting, appena si molla il pedale del gas, mentre frenando l’e-Braking incrementa l’energia recuperata e destinata alle batterie. I flussi energetici, una chicca che offrono ormai tutte le auto ibride, permette di visualizzare i flussi istante per istante. Non appena si richiede potenza, il motore termico (1.5 benzina) interviene in modo automatico e sfrutta l’e-Boosting, così come non appena si presenta una situazione di traffico entra in gioco la modalità e-Queueing, che consente lo “Stop&Go” della vettura in full-electric, e la modalità e-Creeping per uno spunto progressivo a motore spento, semplicemente rilasciando il pedale del freno.

Arrivati a destinazione, prima di parcheggiare, la funzione e-Parking permette di effettuare le manovre in elettrico, anche in retromarcia. A breve il nostro test drive per spiegarvi, nel concreto, qualche decina di chilometri in compagnia delle nuove Jeep e-Hybrid. 

L’altra novità è l’arrivo, sulla già consolidata gamma Jeep 4xe, della nuova versione Upland. Si tratta di un allestimento inedito che sottolinea l’impegno di Jeep verso la transizione energetica. La “S”, invece, è la top di gamma sia per Renegade sia per Compass: sulla prima sono di serie i cerchi in lega da 19” bicolore, le finiture esterne brunite e il sistema automatico di parcheggio. Sulla Compass S (foto sotto) ecco i cerchi sempre da 19” ma in nero lucido, il paraurti in tinta carrozzeria, il tetto nero, il portellone automatico e i sedili rivestiti in pelle con regolazione elettrica per il conducente. In comune l’adozione del cambio automatico e sistemi di sicurezza attiva come l’Highway Assist (Adaptive Cruise Control più Lane Centering). 

Per tutti e 4 i modelli della gamma Jeep ibrida sono poi a disposizione gli accessori Mopar (Jeep Performance Parts) con oltre 150 pezzi per Renegade e 90 per Compass. Le colonnine che vedete in questa foto sono invece state fornite da Free2move eSolutions, colei che all’interno di Stellantis si occupa della promozione di nuove forme di mobilità. C’è la easyWallbox (la pratica colonna di ricarica plug&play per uso domestico) la ePro (per un uso più professionale), la ePublic (perfetta per le flotte o i parcheggi) fino all’offerta di ricariche “on the go” per accedere a oltre 260.000 colonnine in tutta Europa.

Infine, Plug & Drive è la nuova formula di Leasys Rent dedicata alla sola gamma Jeep 4xe. L’auto si può guidare per un minimo di 30 giorni, con rinnovi mensili fino a 12 mesi e la possibilità di restituire la vettura già dopo il primo mese, senza penali. 

Procede spedito il nostro piano di elettrificazione avviato alla fine del 2020 con il lancio della tecnologia 4xe Plug-In Hybrid sui SUV Compass, Renegade e Wrangler – dichiara Antonella Bruno, Head of Jeep Brand in Europa -. Oggi, con le nuovissime Jeep Compass e Renegade e-Hybrid, aggiungiamo un ulteriore livello di elettrificazione alla nostra offerta, dando un contributo a questa trasformazione in cui crediamo profondamente, tanto che quest’estate debutterà la nuova ammiraglia Jeep Grand Cherokee nella sola versione 4xe e all’inizio del 2023 sarà lanciato il primo SUV Jeep 100% elettrico. È una svolta storica per il marchio Jeep, un segno della nostra volontà di proseguire a passo deciso verso una libertà 100% elettrificata.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Maserati Boomerang: la one-off anni ’70 diventa cinquantenne

    herbert diess

    Guerra Russia-Ucraina? Per l’auto sarà molto peggio della pandemia