in

Germania, Inghilterra e Italia in campo per una sfida al volante della Mercedes Classe A 45 AMG

Tempo di lettura: 3 minuti

Nei prossimi giorni, gli appassionati di calcio potranno assistere a due veri e propri big match. Venerdì prossimo, infatti, la nazionale di calcio tedesca incontrerà l’Italia a Milano e martedì scenderà in campo a Londra per sfidare l’Inghilterra. Un’occasione che Mercedes-Benz ha colto per organizzare prima dell’evento un triangolare particolarmente insolito che ha messo alla prova l’abilità dei piloti a giocare a calcio e dei calciatori al volante di A 45 AMG.

Ogni squadra, composta da un ex giocatore di calcio e da un pilota professionista, si è cimentata in quattro prove. A difendere i colori della nazionale tedesca Thomas Doll, ex nazionale di calcio e allenatore, e Pascal Wehrlein, pilota di DTM. L’Italia ha schierato l’ex pilota di Formula 1 Vitantonio “Tonio” Liuzzi e il capocannoniere dei mondiali del 1990 Totò Schillaci. In campo per l’Inghilterra il due volte vincitore della Champions League ed ex nazionale Owen Hargreaves e il pilota di Formula 3 Alexander Lynn.

Ma la vera protagonista della singolare sfida è una sportiva di tutt’altro genere: le squadre hanno dovuto mettere alla prova la loro abilità in pista e sullo sterrato a bordo della A 45 AMG. È stato subito chiaro che la sportiva da 360 CV si trovava nel suo elemento. “A bordo della AMG mi sono sentito proprio come in gara, è impressionante quello che si può fare con due litri di cilindrata”, ha dichiarato Tonio Liuzzi, che ha gareggiato in Formula 1 dal 2005 al 2011. Anche la squadra tedesca si è espressa favorevolmente: “Se i nostri undici accelerano come la A 45 AMG non ci potrà fermare nessuno e non ci saranno Inghilterra o Italia che tengano!” è stato l’augurio di Thomas Doll per il campionato del mondo che si terrà in Brasile.

Gara delle nazioni

Le tre squadre hanno affrontato quattro moduli diversi durante i quali i sei protagonisti hanno dovuto mettere alla prova le loro abilità automobilistiche e calcistiche. Il diciannovenne Pascal Wehrlein, reduce dalla sua prima stagione in DTM, ha affrontato la sfida con grandi aspettative.

Sullo Skid Pad, una superficie circolare bagnata, i piloti dovevano percorrere il maggior numero di giri possibili nel tempo stabilito di 90 secondi. Con nove giri la squadra inglese ha superato Germania (8 ¾) e Italia (8 ½). Nel percorso di handling di autocross si è invece imposta la Germania. Thomas Doll si è rivelato il migliore in questa disciplina, riportando un vantaggio di quattro secondi su Owen Hargreaves e di sette secondi su Schillaci.

L’Inghilterra non è rimasta a guardare e si è aggiudicata la sfida successiva: chi tira più forte? Imbattibili i tiri da 106 e 102 km/h di Alex Lynn e Owen Hargreaves. Determinante ai fini del risultato finale è stata, la gara in pista. L’obiettivo per gli esperti professionisti era compiere due giri di 51 secondi ciascuno. Il pilota che si è avvicinato di più è stato Vitantonio Liuzzi, che ha fatto registrare un tempo sul giro di 51,04. Tuttavia, poiché Alex Lynn e Pascal Wehrlein hanno girato con tempi più costanti, l’Italia si è dovuta accontentare ancora del terzo posto. Con uno scostamento complessivo di soli 0,61 secondi, Alex Lynn ha dato prova di grande abilità. Pascal Wehrlein si è dovuto arrendere all’avversario per soli 0,11 secondi.

La classifica finale ha visto la netta vittoria del team inglese con 11 punti, seguita dalla Germania con 9 e dall’Italia con 4. Il merito della vittoria, secondo Owen Hargreaves, è stato chiaramente di Lynn: “È stato Alex a fare la differenza con una prestazione eccellente. Ha guidato in modo impressionante e tirato più forte di tutti”. “Siamo entrati subito nello spirito della gara, abbiamo trovato il ritmo giusto e abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra”, ha concluso Alex Lynn. “E poi… è bellissimo vincere a calcio contro i tedeschi!”.

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

La nuova ŠKODA Yeti: informazioni per il mercato italiano

Iveco presenta il nuovo Eurocargo Euro 6