in

Un go-kart con tre razzi jet: l’ultima invenzione di Rocketman [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti

Nello scorso dicembre, in molti hanno sgranato gli occhi nell’ammirare una Tesla equipaggiata con propulsori jet. Sembrava un esperimento ai limiti della follia, ma stavolta c’è da meravigliarsi ulteriormente. Non si tratta di una Tesla ma di un semplice go-kart, la cosa che stupisce, però, è che questo veicolo è stato dotato anch’esso di propulsori jet che possono spingerlo verso delle velocità inimmaginabili ed al tempo stesso alquanto pericolose. Il tutto è stato reso noto grazie ad un video caricato su YouTube ed a quanto pare sta riscuotendo un ottimo successo anche grazie al buon risultato finale.

Un nome, una garanzia: Rocketman

Questo coraggioso, spericolato ma anche prodigioso esperimento è stato fatto da quello che si potrebbe definire come un “esperto in materia”. Robert Maddox, questo è il suo nome, anche se in molti lo conoscono semplicemente come “Rocketman”. Questo esperto del fai da te ha una notevole passione per i razzi, avendone già montanti in esperimenti precedenti su automobili, go-kart, barche e biciclette, tutti visibili sul suo canale YouTube. In poche parole, Rocketman è la garanzia di come ingegno, spericolatezza e velocità possano fondersi al meglio e con buoni risultati.

Tre razzi su un go-kart

Tra le ultime pubblicazioni ed esperimenti di Rocketman, spicca senza dubbio quello riguardante un go-kart equipaggiato con ben tre razzi jet. Lo scenario è quello del deserto statunitense, dove sin dai primi secondi iniziano a partire delle fiammate dal veicolo che Robert Maddox ha battezzato come “la bestia”. Dopo le fiammate è il momento dell’accelerazione, il go-kart raggiunge la velocità (non piena) di circa 145 km/h, che rende i razzi incandescenti e provoca un rumore assordante. Stando a quanto si vede, l’idea di Rocketman non sembra essere focalizzata sulla sicurezza, bensì solo su spettacolo e divertimento spericolato.

Non sarà il video migliore per impartire lezioni sul connubio tra ingegneria e sicurezza, ma di sicuro è divertente.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Loading…

    0

    Diminuiscono le immatricolazioni nel mercato europeo dell’auto

    alpine a522

    Alpine F1 Team presenta la nuova A522 double face: obiettivo 4° posto?