giovedì, 17 Ottobre 2019 - 7:30
Home / Notizie / Motorsport / Gran Premio d’Italia: molto probabile il rinnovo fino al 2024!
Gran Premio d'Italia

Gran Premio d’Italia: molto probabile il rinnovo fino al 2024!

Tempo di lettura: 1 minuto.

I tifosi italiani possono tirare un sospiro di sollievo. Dopo lunghe trattative tra Liberty Media e gli organizzatori del Gran Premio d’Italia, in primis l’Automobil Club d’Italia, anticipate da gazzetta.it, si è realizzato quello che tutti gli appassionati speravano. L’edizione 2019, la 70°, sarà un’altra esaltante edizione da vivere in Autodromo e non sarà certo l’ultima.

Le previsioni sono andate però ben oltre, rispetto al prospettato 2022 come fine degli accordi tra Liberty e Monza. In realtà il contratto è stato firmato fino al 2024, saranno quindi almeno ancora cinque le edizioni del Gran Premio d’Italia  corse nello storico Autodromo.

La conferma è arrivata in mattinata anche sul sito ufficiale della F1 (F1.COM).

Dal sito ACI Sport, questa l’ulteriore nota che rappresenta un traguardo per tutto il sistema sportivo italiano: “Il Consiglio Generale dell’Automobile Club d’Italia ha dato, quindi, mandato al Presidente Angelo Sticchi Damiani di proseguire la negoziazione con Formula 1 su tutti gli aspetti tecnici e commerciali relativi alla partnership, in modo da giungere, in tempi brevi, alla firma del contratto e rendere pienamente operativa la collaborazione.”

Alla fine vince la tradizione

Che non ce ne vogliano Baku, Sakhir, Singapore o Hanoi, che entrerà in calendario nel 2020, ma Monza, così come SPA e Silverstone, sono un’altra cosa. Fortunatamente, pur non sapendo le cifre in ballo, Liberty Media ci ha visto lungo assicurando il Gran Premio d’Italia per almeno altri 5 anni.

Gli italiani e tutti i tifosi, fino al 2024, potranno tornare dalle ferie estive e godersi ancora uno degli appuntamenti più attesi dell’anno.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Ciuffi-Gonella, campioni rally italiano due ruote motrici 2019

Ciuffi e Gonella vincono l’Italiano due ruote motrici con Peugeot 208

Le buone premesse della vigilia, quando intervistammo sia Tommaso Ciuffi sia il suo navigatore Nicolò …