in

La hypercar McLaren inizia lo sviluppo: si chiama Albert il prototipo Speedtail

hypercar mclaren
Tempo di lettura: 2 minuti

Si chiama Albert, nome ovviamente di fantasia, il prototipo di McLaren Speedtail a cui spetterà la fase di test su strada, in tutto il mondo, che coinvolgerà l’inedita e avveniristica hypercar McLaren nei corso dei prossimi mesi.

Per l’ultima arrivata tra le Ultimate Series di McLaren, già al centro dei commenti, sia positivi sia negativi, è arrivato il momento di accendere il suo potente motore ibrido e partire alla volta dei test su strada che la terranno occupata, o terranno occupato Albert, per tutto il 2019. Europa, Africa e Nord America, migliaia di chilometri per testare i suoi limiti e adattare il prototipo alla futura produzione di serie (106 esemplari, 1,75 milioni di sterline, già tutte vendute).

Una non novità, quella di assegnare i nome ai prototipi della Casa inglese, preferito a un freddo numero: successe già nel 1992, con lo stesso nome in onore di Albert Drive a Woking, durante i test della McLaren F1. Per la fase di sviluppo è stata scelta la tipica livrea camu impiegata dai veicoli durante la fase di test, che siano essi supercar o semplici utilitarie.

“L’inizio dei test in condizione reali rappresenta un passo molto importante nello sviluppo della McLaren Speedtail. I primi prototipi che portano il nome, “Albert” permetteranno di costruire sulla base del lavoro di sviluppo che ancora continua, ma ha preso il via con i modelli di sviluppo precedenti, cosi permettendoci di convalidare alcune delle peculiarità della vettura quali: la dinamica del telaio; prestazioni dei freni; messa a punto degli ammortizzatori; gomme; NVH e aspetti dell’ergonomia e del comfort. Con molti aspetti già definiti, la McLaren Speedtail è sulla buona strada per adempiere al suo destino, quello di diventare la migliore vettura da strada McLaren mai concepita.”

Ben Gulliver, Head of Vehicle Development, McLaren Automotive 

hypercar triposto: tra passato e presente l’avanguardia McLaren

Questa configurazione è patrimonio di McLaren, rimanendo esclusiva tra le vetture di serie fino a quando la McLaren Automotive non ha confermato a novembre 2016 che questa configurazione sarebbe stata riproposta per la prossima Ultimate Serie che portava il nome in codice BP23.

Ad eccezione della livrea specifica da test e la carrozzeria che nella parte anteriore evidenzia ancora una fase di prototipia, “Albert” è già una Speedtail, con pannelli della carrozzeria che rappresentano le forme della vettura e le portiere diedrali che avvolgono l’esclusiva struttura in fibra di carbonio McLaren Monocage.

Ocon Verstappen

Scintille Ocon Verstappen al Gran Premio del Brasile, mentre la Ferrari esce ancora una volta sconfitta

prezzo Audi Q3

Allestimenti, motori e prezzo Audi Q3 2019: tutto sul nuovo SUV dei quattro anelli