in

Un wrapping inedito lascia intravedere la Hyundai Ioniq 5 N

Hyundai Ioniq 5 N
Tempo di lettura: < 1 minuto

A quanto pare, la Ioniq 5 N sarà la prima auto sportiva 100% elettrica di Hyundai. In nord Europa è stato fotografato da Carscoops.com un muletto con wrapping a scacchi nel corso di una serie di test. È proprio questa tipologia di wrapping, di camuffamento a destare qualche dubbio, in quanto totalmente inedito.

Una nuova linea per i paraurti

Nonostante il wrapping, si lasciano notare le nuove linee dei paraurti, decisamente più lisci. Essi hanno guadagnato maggiore aerodinamicità rispetto alle versioni precedenti, questo nuovo stile dona all’automobile una maggiore larghezza ed un alleggerimento visivo.

Dunque qualcosa di diverso rispetto alle foto spia scattate lo scorso settembre sul circuito del Nurburgring. In quelle immagini sembrava quasi non ci fossero modifiche sulla Hyundai Ioniq 5, questo lascia quindi pensare, a rigor di logica, che all’epoca si trattava di un esemplare ancora allo stato primordiale.

“Never just drive”: guidare non basta

Le foto non mentono, la versione N della Ioniq 5 dovrebbe essere molto più bassa e larga dell’auto che abbiamo avuto modo di conoscere. “Never just drive”, questa è la scritta che si legge sul posteriore della vettura nonostante i camuffamenti a scacchiera, quest’espressione significa “non guidare e basta”. Una citazione che lascia trapelare l’anima sportiva del veicolo coreano.

Voci di corridoio dicono di potenza e prestazioni maggiori, il tutto grazie alla versione più potente del powertrain della sorella Kia EV6, la GT. Grazie ai 576 CV, che tradotti in kW fa circa 430, potrebbe dar filo da torcere a moltissime auto rivali, comprese le Tesla. Questo sarebbe possibile grazie all’utilizzo della piattaforma studiata per poter gestire in sicurezza fino a 600 CV di potenza.

Fonte: Carscoops.com

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Volkswagen e Volvo bloccano le consegne in Russia, chi le seguirà?

    Mercato auto febbraio 2022, -22,6%: c’è forte attesa per gli incentivi