lunedì, 23 ottobre 2017 - 11:44
Home / Notizie / Attualità / Va a fuoco una Ferrari 430 Scuderia: cronaca o spot pubblicitario?
Ferrari 430 Scuderia

Va a fuoco una Ferrari 430 Scuderia: cronaca o spot pubblicitario?

Tempo di lettura: 2 minuti

Una vicenda che ha dell’incredibile è avvenuta in Gran Bretagna pochi giorni fa: protagonista una Ferrari 430 Scuderia appena ritirata dallo sfortunato proprietario, durata neanche il tempo del ritorno a casa.

A riportare il caso è stata la polizia inglese di stanza nel South Yorkshire, avvertita dagli automobilisti che tutti i giorni percorrono la celebre M1 nel tratto tra Leeds e Londra di un curioso accaduto. I presenti riferivano di una supercar, rosso fiammante, uscita di strada e avvolta dalle fiamme.

Prontamente catapultati sul luogo dell’incidente, le forze dell’ordine di sua Maestà sono rimaste incredule nel constatare l’ottimo stato di salute dell’incauto automobilista. Così hanno commentato con un post su Facebook dopo che il caso è balzato agli onori della cronaca “Siamo rimasti stupiti nell’apprendere che avesse solo piccoli tagli e contusioni, il guidatore è stato molto fortunato”.

Sfortunata protagonista dell’incidente, una volta chiarito lo stato di salute del conducente, è stata però una Ferrari 430 Scuderia appena uscita dall’autosalone, sebbene questo modello, punta di diamante della serie 430,  sia ormai uscito di produzione da diversi anni, più precisamente dal 2010.

Ferrari 430 Scuderia: la sviluppò Michael Schumacher

Ferrari 430 Scuderia

Degna erede della Ferrari 360 Challenge, la 430 Scuderia è stata una delle più potenti supercar costruite dal Cavallino Rampante sul finire del decennio scorso. Sviluppata da Michael Schumacher in persona e presentata al Salone di Francoforte 2007 dal Kaiser, passato per diversi anni nel reparto collaudi di Maranello prima di tornare in F.1 con Mercedes, la belva di Maranello fa del rapporto peso-potenza di soli 2,45 kg/CV il suo punto forte, così come il peso di soli 1.250 chilogrammi, ben 100 in meno della F430, gli permette ancora oggi di tenere testa alle attuali supercar.

Per chiudere la vicenda, le autorità inglesi hanno sfruttato l’episodio, fortunatamente conclusosi con un forte spavento e con la disperazione del ferrarista improvvisato, facendo un appello sul tema della sicurezza stradale: “Nelle ultime due settimane ci sono stati diversi incidenti in cui lo stile di guida non era adeguato alle condizioni stradali e meteo”.

Fate più attenzione!” ha continuato nel suo appello la polizia. Nasce qui il dubbio sulla veridicità dell’incidente, vista la ricostruzione sommaria dell’accaduto, senza reali dettagli sulla dinamica del sinistro. Un’iniziativa di sensibilizzazione per la sicurezza stradale o caso di cronaca? In tutto questo, a prescindere dalla cronaca, di una splendida Ferrari rimane ormai solo un cumulo di rottami e di cenere.

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

nuova Polo

Questo weekend porte aperte per la nuova Polo

Tempo di lettura: 1 minutoLa nuova Polo è stata presentata da Volkswagen in anteprima al Salone di Francoforte 2017 …