in

Infiniti Q50 Eau Rouge al NAIAS 2014 di Detroit

Autoappassionati
Tempo di lettura: 2 minuti

Al Salone dell’Automobile di Detroit è stata presentata la Infiniti Q50 Eau Rouge, la concept car che incarna le caratteristiche costruttive accattivanti della berlina sportiva premium Q50 e lo spirito seducente della Formula Uno.

La Infiniti Q50 Eau Rouge è nata dalle competizioni che si svolgono all’apice del motorsport, con componenti che rispecchiano l’auto da corsa vincente RB9. Una vettura che già dall’esterno mostra i segni distintivi dell’influenza derivante dalla squadra di Formula Uno Infiniti Red Bull Racing.

Una vettura realizzata con una carrozzeria aerodinamica in fibra di carbonio studiata ad hoc, che conferisce a Infiniti Q50 Eau Rouge un aspetto più basso ed allargato e una presenza imponente sulla strada. I nuovi parafanghi anteriori e posteriori più larghi di 20 mm vanno ad ampliare la già ampia sezione posteriore della Q50, mentre lo spoiler posteriore crea maggiore deportanza. Non mancano poi leggerissimi cerchi da 21” forgiati in lega di alluminio che riempiono i passaruota ancora più ampi.

Infiniti ci fa sapere che per quel che riguarda il motore non è ancora stata presa una decisione definitiva. Voci di corridoio parlano di una potenza superiore ai 500 CV e una coppia superiore agli 810 Nm merito, molto probabilmente, di un motore a V sovralimentato. Infiniti, in modo molto misterioso, ci tiene a farci sapere che attualmente non poche soluzioni sono tenute in considerazione per la scelta del futuro motore. Tra queste ci sarebbero una variante ibrida potenziata, un fac-simile del V6 della Nissan GT-R o anche un V8 biturbo di origine Mercedes AMG.

“Dalla nostra passione condivisa con Infiniti Red Bull Racing per le prestazioni è nato il comune desiderio di realizzare uno studio progettuale ambizioso e importante su Infiniti Q50. Il design complessivo trasmette una sensazione di muscolosità raffinata,” ha affermato Alfonso Albaisa, Direttore Esecutivo del Design Infiniti.

“Un design che rivela numerosi segni distintivi ispirati dalla Formula Uno. In particolare, l’assemblaggio della robusta aletta anteriore e la struttura aerodinamica posteriore sono tipici dell’auto da corsa RB9. Il sistema antinebbia posteriore è un inconfondibile richiamo alla Formula Uno.

Dì la tua

Autoappassionati

Jaguar Land Rover nuove partnership per una guida più “leggera”

Michelin amplia la gamma delle Apps mobile