domenica, 16 dicembre 2018 - 20:33
Home / Notizie / Tecnologia / Waze non si ferma più: già operativa l’integrazione con Apple CarPlay
Waze

Waze non si ferma più: già operativa l’integrazione con Apple CarPlay

Tempo di lettura: 3 minuti.

È notizia recente un’importante novità che riguarda Waze, la popolare app di navigazione gratuita che sta conquistando sempre più utenti grazie alla sua praticità e intelligenza.

Basata sul crowdsourcing, ossia una community attiva con oltre 100 milioni di utenti nel mondo, Waze oggi integra a grande richiesta le sue funzionalità su Apple CarPlay, passaggio fino a poco tempo fa impossibile da effettuare e per questo motivo richiesto a gran voce dai suoi utenti operativi su iOS 12.

La popolare app continua così sul suo cammino, quello di coinvolgere sempre più utenti e allo stesso tempo rendere la guida più sicura e comoda per tutti. Milioni di automobilisti fedeli al Marchio di Cupertino potranno ora utilizzare le funzionalità della navigation app in continuità e direttamente dal display presente nell’auto.

Come? Semplicemente connettendo il proprio iPhone al sistema CarPlay tramite cavo USB o connessione wireless (se disponibile), gli automobilisti possono cercare la destinazione, selezionare l’itinerario preferito, segnalare problematiche relative al traffico e molto altro.

La mobilità sta cambiando, come sta evolvendo anche il settore dell’automotive dal punto di vista tecnologico e, con questa integrazione, Waze sta facendo la sua parte nel supportare i player di questo cambiamento a favore di tutta la comunità. L’integrazione di Waze al sistema infotainment di Apple CarPlay è sicuramente un valore aggiunto in quanto permette agli automobilisti di tutto il mondo di usufruire del servizio in real time dell’app direttamente tramite il sistema CarPlay della propria auto, viaggiando così in totale sicurezza” afferma Dario Mancini, Country Manager di Waze per l’Italia.

Proprio con Dario Mancini abbiamo svolto un’intervista per parlare delle ultime novità di Waze, ormai importante community che va oltre la semplice app che molti di noi automobilisti hanno installata sul proprio smartphone. 

Waze
Dario Mancini, Country Manager di Waze per l’Italia

Waze sta conoscendo un periodo felice, consacrato dalla partnership con Fiat e il lancio della Panda Waze sul mercato italiano, ben promossa dalla campagna TV che vede protagonista Fabio Rovazzi. Un 2018 molto buono che vuole finire ancora meglio?

“Diciamo che come ultime novità abbiamo appunto annunciato di recente l’integrazione con Apple CarPlay, la tanto attesa integrazione con CarPlay. Un passo molto importante, richiesto da tanti dei nostri utenti che aspettavano con ansia questa novità. Questa è la novità più importante del 2018 ma ci stiamo preparando per portare in Europa il nostro servizio di car pooling anche se non c’è ancora niente di ufficiale a riguardo”.

Il CCP (Connected Citizens Program), oggi in grado di contare fino a 600 partner globali, è e continua ad essere la vostra forza e non si può che contare su una community sempre più ampia, non è così?

“Sicuramente il CCP è la nostra punta di diamante perché è in grado di mettere insieme la forza dei nostri partner che offriamo gratuitamente alle municipalità, le quali prendono parte al programma e creano allo stesso tempo un forum dove le varie città possono parlarsi e confrontarsi su come migliorare la mobilità e il traffico.”

Intervenire in tempo reale per segnalare qualsiasi cosa è un altro vero punto di forza di Waze, ne è un esempio il crollo del ponte di Genova del 14 agosto. In quel caso Waze come ha reagito?

“Sì poche ore dopo la comunità di passaggio a Genova e tutti gli utenti presenti in loco avevano segnalato tempestivamente il pericolo. Un altro esempio è il recente uragano Florence in America dove la comunità ha segnalato la presenza di feriti prontamente soccorsi grazie alla comunicazione con le autorità locali”

Si spiega così, grazie a questi esempi, il ruolo sociale che Waze sta assumendo?

“Sì, è diventato veramente importante come fenomeno sociale. Già a partire dal primo uragano Sandy nel 2012, prima che Waze diventasse famosa anche in Italia, è stata una delle app più utilizzate per segnalare in tempo reale distributori aperti e i centri di raccolta/emergenza più vicini.”

Gli utenti di Waze si sentono consapevoli del loro ruolo sociale o per la maggior parte viene concepito come semplice navigatore?

“Ci sono diversi livelli di utenti però è innegabile che ci sono migliaia di selezioni, anche in Italia, a livello mensile. Io sono stato al raduno dei Power Users della comunità e notavo la voglia di cercare soluzioni, come migliorare le mappe. Gente che trova nel servizio volontario e nel mondo della condivisione in cui viviamo un motivo per compiere una buona azione.”

Come si sta evolvendo Waze in Italia?

“Parliamo di milioni di utenti, una buona percentuale su quella complessiva. Da quando abbiamo lanciato il team sul territorio italiano il numero di utenti è più che raddoppiato e i numeri stanno crescendo”

Altri nuovi servizi dei quali ci vuole parlare?

“Sì, l’altra novità oltre a CarPlay è il soccorso stradale in partnership con Allianz, grazie al quale è possibile attraverso Waze chiedere soccorso agli altri utenti o direttamente alle autorità competenti. Una sorta di E-Call proposto da molte case automobilistiche che noi rendiamo disponibile sul vostro smartphone, con una precisione garantita dal GPS”

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

OnePlus 6T McLaren Edition

McLaren e OnePlus presentano OnePlus 6T McLaren Edition

McLaren Automotive fa un altro passo nel mondo della tecnologia abbandonando, per una volta, la …