in

Dopo Wrangler, anche Jeep Grand Cherokee veste la divisa dei Carabinieri

Grand Cherokee
Tempo di lettura: < 1 minuto

A giugno fu proprio Sergio Marchionne, alla sua ultima apparizione pubblica prima del decesso, a presentare alla stampa la Jeep Wrangler dei Carabinieri. Una new entry si affaccia ora nell’Arma ed è il SUV più maestoso della gamma Jeep, la Grand Cherokee.

Sono 19 le unità di blu vestite che andranno a rinforzare la flotta dell’Arma; sotto il cofano il motore 3.0 V6 CRD da 190 CV, cambio automatico a 8 marce con controllo elettronico e trazione integrale per meglio distribuire la coppia sulle quattro ruote.

Prima di prendere effettivo servizio, le Grand Cherokee dei Carabinieri sono state blindate (intervenendo su parabrezza, cristalli laterali, pneumatici e carrozzeria), e sono state ulteriormente rinforzate le sospensioni. Una sorta di veicolo da guerra al servizio dei cittadini, per affrontare qualsiasi missione anche fuori dall’ambito urbano.

Inediti, oltre alla livrea, sono i lampeggianti a LED blu sul portellone posteriore, mentre all’interno è stato aggiunto un tablet che lavora sul sistema Odino (banche dati delle Forze di Polizia, Motorizzazione e Ania). Il primo esemplare è già entrato in servizio a Roma e le altre 18 entreranno a regime entro la fine dell’anno.

 Grand Cherokee

Continua così la tradizione che lega Jeep al corpo dei carabinieri. Sono quindi tre oggi i modelli di blu vestiti: Wrangler, Renegade e, da poche ore, anche Grand Cherokee.

 

Dì la tua

Omino Michelin

Michelin Effitrailer vince il Telematik Award 2018

147 GTA

Alfa Romeo 147 GTA, sei fantastici cilindri made in “Busso”