in

Jimmy Broadbent e il test al simulatore DTM: i consigli di un influencer delle corse sim [VIDEO]

Jimmy Broadbent
Tempo di lettura: 4 minuti

Jimmy Broadbent, sim driver e influencer della simulazione di guida su YouTube, dove conta più di 400.000 iscritti, ha provato il smulatore DTM nella sede di BMW Motorsport.

Prima di partecipare a entrambi i “Virtual GP” organizzati sul circuito di Sakhir, Bahrain, e Albert Park, domenica 5 aprile, qualche settimana fa il noto influencer di simulazione di guida Jimmy Broadbent si è recato a Monaco, su invito di BMW Motorsport, per provare in esclusiva il simulatore DTM che i piloti ufficiali usano per preparare le gare del campionato turismo tedesco. In poco meno di un mese, il video ha già superato il milione di visualizzazioni!

Per chi non lo conoscesse, l’inglese Jimmy Broadbent è uno se non il miglior influencer nel mondo delle corse sim. Proprio in questo momento, dove anche i professionisti come Leclerc, Giovinazzi, Norris e tanti altri sono impossibilitati a correre in pista, la simulazione virtuale sta conoscendo un boom di interesse. 

Broadbent partecipa regolarmente a gare contro piloti professionisti ed è solito recensire auto o nuovi “giochi”, che giochi non sono, per dare consigli e mostrare il talento che gli appartiene. Proprio per questo motivo il reparto corse della Casa tedesca ha deciso di fargli provare un simulatore costato diversi milioni di euro per capire le sue sensazioni. Riportiamo il testo dell’intervista effettuata da BMW a Jimmy Broadbent.

Jimmy, come è stata la tua esperienza nel simulatore BMW Motorsport?

Jimmy Broadbent: “Ero piuttosto eccitato e non vedevo l’ora che arrivasse. Non vedevo davvero l’ora e mi sono divertito molto sul posto. Penso che tu possa vederlo guardando il video.”

Citi il video. È uno dei video più cliccati sul tuo canale YouTube, vero?

Broadbent: “Esatto! Si sta avvicinando a un milione di visualizzazioni ora, il che è molto, soprattutto per i contenuti di corse sim. Penso che sia perché per la persona media è raro vedere un simulatore professionale come quello, quindi è stata una rara opportunità quella che BMW Motorsport ha dato a me e ai miei spettatori.”

Quindi, hai una community interessata anche ad argomenti tecnici?

Broadbent: “Sì, sicuramente. I piloti di sim, come la mia comunità e io, abbiamo una mini versione di questo simulatore a casa. Quindi vedere un simulatore professionale con un vero telaio DTM e un proiettore è un sogno per gli appassionati di corse sim.

Parliamo della tua esperienza nel simulatore BMW Motorsport: come puoi vedere nel video, sei stato super veloce – circa un secondo più lento del pilota BMW DTM Sheldon van der Linde. Sei stato sorpreso?

Broadbent: “Sono rimasto un po’ sorpreso perché ho visto altre persone che hanno fatto molte cose del simulatore, poi hanno provato a entrare in un simulatore professionale e hanno avuto problemi, quindi è stato bello non essere terribile. (Ride) Devo ammettere che sono una persona competitiva, quindi fa davvero schifo quando gli altri sono più veloci di me.”

Sheldon van der Linde ti ha dato consigli utili?

Broadbent: “Mi ha dato alcuni consigli davvero utili, soprattutto in frenata perché è quello con cui ho faticato all’inizio. L’ingegnere BMW Motorsport che era nel simulatore mi ha aiutato molto anche in questo. Mi ha mostrato un grafico e ha detto: “Guarda, questo è quello che sta facendo Sheldon, questo è quello che stai facendo tu, fai quello che fa lui.” Con quel consiglio sono andato un secondo più veloce praticamente subito, quindi avere quel feedback penso sia davvero prezioso – anche per le corse di sim. Chiunque voglia andare molto veloce e abbia l’opportunità dovrebbe usare l’analisi dei dati.

Quali sono state le maggiori differenze tra il tuo simulatore di gara, che è di fascia alta, e il simulatore BMW Motorsport?

Broadbent: “Prima di tutto il movimento. Sono stato in sim che si muovono, ma è stato fatto male. È molto facile esagerare con il movimento. Ma la configurazione era perfetta nel simulatore BMW Motorsport. Sembra di essere effettivamente di guidare la BMW M4 DTM all’Hockenheimring. Poi c’è il vero cockpit, il fantastico e impressionante pedale del freno realistico, la posizione di seduta e l’enorme schermo, sul quale ho potuto vedere la pista e l’ambiente come nella vita reale. Sul mio schermo di casa, posso solo vedere il punto di corda in un piccolo segmento del tracciato. Qui ho potuto vedere l’uscita della curva e guardare l’intera traiettoria. Nel complesso è stato sicuramente il miglior simulatore che abbia mai provato.

Jimmy Broadbent

Tornando a te, quanto tempo dedichi alle corse con il simulatore di guida?

Broadbent: “Molto. È sia il mio lavoro che il mio hobby, che è un po’ il mio sogno, ma mi concentro su una vasta gamma di corse sim nei miei video. Ad esempio, ho guidato una BMW M8 GTE virtuale, poi ho guidato un’auto di Formula 1 e poi ho fatto un po’ di rally, tutto nello stesso giorno. Questo è probabilmente il mio debole. Abbiamo una frase nel Regno Unito, sono un “tuttofare”. Mi piace principalmente la varietà che le corse di sim hanno da offrire, ed è quello che mostro nei miei video.”

Come esperto di corse sim, cosa ne pensi del boom attuale?

Broadbent: “Quando ho iniziato per la prima volta, l’idea di qualcuno che mettesse in palio premi o coinvolgesse i piloti professionisti di una casa automobilistica non era realmente una possibilità. Le cose sono cambiate davvero e ora è quasi una cosa comune. In particolare, avere la BMW coinvolta è una bella boccata d’aria fresca. Recentemente – in parte a causa della situazione globale, dove ora per molti di noi le corse nella vita reale si sono fermate – sono stato in così tante gare con Philipp Eng, Bruno Spengler, Nick Catsburg e altri. È bello vedere che BMW Motorsport si impegna in questo ambito e non vede solo le gare sim come una mossa di marketing. E comunque i ragazzi sono piuttosto veloci.”

L’anno scorso hai guidato i tuoi primi giri sul vero Nürburgring-Nordschleife con Nick Catsburg. In che modo la versione reale era diversa dal virtuale “Green Hell”?

Broadbent: “La differenza più grande era che ero consapevole che se avessi fatto un incidente mi sarei trovato con un conto bello salato. (Ride) A parte questo è stato incredibilmente simile – ovviamente a parte i saliscendi e la forza centrifuga. Parlando della pista, conosci le curve, dove frenare – tutto. La cosa principale è trovare il tuo ritmo in un’auto reale. Penso di aver fatto bene, anche se ero un po’ nervoso con un pilota professionista come Nicky accanto a me. Altrimenti, probabilmente sarei andato un po’ più veloce.

Hai l’ambizione di gareggiare in gare reali?

Broadbent: “Ho iniziato a pensarci sempre più di recente. L’anno scorso, stavo principalmente correndo nel kart. Quest’anno dovevo prendere parte alla RCN, gareggiando al Nürburgring. Dovremo aspettare e vedere se succederà.

Sei interessato a provare una vera auto da corsa BMW Motorsport?

Broadbent: “Al cento per cento. Penso che se qualcuno risponde a questa domanda con un no, non vorrai più parlare con lui. (ride) Vediamo cosa porterà il futuro.

Dì la tua

Ford

Ford annuncia la chiusura fino al 4 maggio in Europa

Stay Home, Think Motorsport: l’iniziativa Hyundai Motorsport per gli appassionati