in

Koenigsegg Regera: con il trattamento Naked Carbon diventa spettacolare

Koenigsegg Regera
Tempo di lettura: 2 minuti

Carbonio, tanto carbonio. Il sesto elemento, ossia la sua posizione sulla tavola periodica, ha già ispirato alcune case costruttrici (Lamborghini chiamo così una sua one-off qualche anno fa) ma qui, con questa Koenigsegg Regera, si è superato il confine della maniacalità. La supercar/hypercar presentata nel 2016 al Salone di Ginevra, 80 esemplari tutti venduti con largo anticipo, si è vestita ad hoc “indossando” un vestito personalizzato che vede il massiccio impiego della fibra di carbonio, praticamente ovunque, restituendo un effetto davvero spettacolare.

Fibra di carbonio, tanta fibra di carbonio

Delle 80 vetture realizzate, la cui produzione è terminata solo poco tempo fa, questa è stata “trattata” con la procedura Naked Carbon, su specifica richiesta di un cliente a quanto pare appassioniato o di chimica, la vediamo dura, o di motorsport.

Vero è che il carbonio viene spesso utilizzato quando si parla di supercar, basti pensare alla scocca di una McLaren o di una più piccola 4C, ma qui, in questo caso, la bellezza dell’auto è esaltata dalla totale assenza di una qualsivoglia vernice a coprire quella trama tipica del carbonio, uno spettacolo per gli occhi degli appassionati.

Si è ottenuto così quell’effetto semi lucido grazie a un trattamento di lucidatura apposito che rende appunto la fibra dell’auto meno opaca ma allo stesso tempo non ne rovina la classica apparenza. Un lavoro certosino, appunto, al quale Christian Von Koenigsegg, fondatore nonchè factotum della piccola azienda che porta il suo nome, ci ha abituato negli anni. 

Koenigsegg Regera

Tanto carbonio e la bilancia ringrazia

Questo trattamento che è stato perfezionato nonchè testato nelle condizioni atmosferiche naturali, così da assicurare una stabilità del tempo della preziosa fibra, ma ha permesso soprattutto un risparmio di circa 20 chilogrammi che male non fanno. Insomma, i suoi più di 1.000 CV del motore termico V8 5.0 abbinato a ben tre motori elettrici saranno lì a godere sotto quel magnifico cofano sollevato. 

Christian von Koenigsegg, CEO della Koenigsegg, ha dichiarato entusiasta: “Non è affatto insolito che i clienti ci chiedano una vettura con carrozzeria in fibra di carbonio a vista. Dal punto di vista prettamente estetico è un materiale davvero molto bello e tanti clienti amano mostrare e dare risalto a questo tipo di materiale con cui la loro vettura è costruita. La finitura ‘naked carbon’ eleva l’idea di una carrozzeria in fibra di carbonio ad un livello decisamente più alto grazie ad una estrema luminosità e ad una morbidezza al tatto davvero incredibile.”

 

Dì la tua

Jeep Grand Cherokee TrackHawk

Jeep Grand Cherokee TrackHawk | Prova su strada

Eclipse Cross T1

Gutiérrez scalda Mitsubishi Eclipse Cross T1 per la Dakar 2019