in

La cinghia a V. Come funziona, sintomi di malfunzionamento e sostituzione

Tempo di lettura: 2 minuti

La cinghia a V, anche chiamata cinghia dell’alternatore o cinghia servizi, assolve il compito di connettere  tra loro le pulegge per trasmettere il moto generato dall’albero del motore a tutti gli organi ausiliari dell’auto. In pratica, tutte le auto a carburante (benzina, diesel, gpl, metano e ibridi) dipendono dal suo buon funzionamento. In tutti i motori termici, infatti, l’alternatore ha la funzione di caricare e tenere sempre carica la batteria dell’auto, questo soprattutto grazie al moto rotatorio continuo che avviene tramite la cinghia a V.

Senza la corretta alimentazione dell’alternatore, che a sua volta mantiene carica la batteria, la maggior parte dei servizi ausiliari dell’auto, quali ad esempio l’avviamento, il pannello di controllo del cruscotto, i fari, l’impianto di climatizzazione ecc., non potrebbero funzionare in maniera corretta. Dal corretto funzionamento della cinghia a V dipendono anche il compressore dell’alternatore, la pompa del servosterzo e la pompa di raffreddamento. 

I segnali più comuni indicanti un malfunzionamento della cinghia sono in generale i seguenti:

  • Accensione della spia della batteria, che indica un generico  guasto della batteria e del sistema di ricarica dell’auto. In tale evenienza, si dovrebbe sollevare subito il cofano per vedere se la cinghia è danneggiata
  • Luci dell’abitacolo deboli o tremolanti. La luminosità di queste luci si indebolisce quando insorge un problema nel sistema di ricarica, connesso alla cinghia.
  • Blocco del motore. L’usura della cinghia dell’alternatore causa l’immediato malfunzionamento dell’alternatore, il quale non fornendo più carica alla batteria farà in modo che l’auto non sia più in grado di circolare.
  • Stridori provenienti dall’interno durante le manovre di partenza e di accelerazione del veicolo potrebbe essere un segnale di un problema alla cinghia.
  • Rumori e stridori metallici provenienti dal tensionatore o dalla puleggia potrebbero essere un segnale che la cinghia sta sul punto di rompersi.

Il Kit Cinghie Poly-V RIDEX 542R0005 comprende una cinghia della lunghezza di 975 mm, dotata di 6 nervature, larga 21 mm e con una rotella di presa. Questa cinghia è particolarmente adatta per i seguenti modelli d’auto: Citroen, Ford, Mazda, Mini, Peugeot, Suzuki e Volvo. 

La durata di servizio di questo componente molto dipende dal modello dell’auto, dallo stile di guida e dalla qualità delle strade percorse abitualmente. A riguardo è sempre raccomandabile leggere quanto si trova scritto nel manuale dell’auto. In generale si consiglia di far fare un controllo periodico della cinghia e degli ingranaggi ad essa connessi ogni sei mesi o dopo un chilometraggio che va dai 60.000 ai 120.000 km. Se durante l’ispezione visiva della cinghia si dovessero rilevare delle crepe o dei seri segni di usura sulla sua superficie, si dovrebbe procedere alla sua sostituzione il prima possibile, in quanto, come si dice: prevenire è meglio che curare.

Data la complessità dell’operazione e l’importanza di tutti i dispositivi connessi alla cinghia, si dovrebbe affidare la sua sostituzione alle mani di un esperto meccanico, anche per evitare danni più gravi con un intervento sbagliato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Alfa Romeo Mito 2024

    Nuova Alfa Romeo MiTo: la sorella diversa di Peugeot 208 arriverà nel 2024

    pagelle gp austin 2021

    Pagelle GP Stati Uniti 2021: Verstappen gongola, Mercedes a testa bassa