in

La Renault 5 Prototype ammicca, ma convincerà i nostalgici?

Renault 5 prototype
Tempo di lettura: 2 minuti

Vi dice qualcosa un’auto cult degli anni Settanta che ammicca con tutti i fari?  Ma certo, è la mitica Renault 5. Il suo sguardo malizioso fa parte del patrimonio Renault e, così, anche il prototipo di Renault 5 svelato a gennaio non può certo rinnegare il passato, raccontando un design chiaramente ispirato all’antenata. Una manovra di marketing abile, capace di catturare i grandi consensi. I puristi, però, si lasceranno convincere dallo stesso sguardo vivace e sbarazzino che, in breve tempo, è diventato tanto cult quanto l’auto stessa?

Fin dal 1972, anno di lancio, Renault ha conferito una personalità a quello sguardo nei famosi cartoni animati dello spot pubblicitario: Le avventure di Supercar. Lo si poteva incrociare per strada quando, a quei tempi, è stata portata avanti l’operazione “Prendete il volante”. La Renault 5, con i suoi occhietti adesivi incollati sui fari, usciva allo scoperto per incontrare i francesi. È quello stesso sguardo complice ed emblematico che Nicolas Jardin ha voluto riprodurre sulla Renault 5 Prototype, proiettandolo così nel futuro.

Una reinterpretazione in chiave elettrica

Sono già colati fiumi di inchiostro sulla Renault 5 Prototype che, svelata lo scorso 14 gennaio, preannuncia il futuro modello elettrico erede della Renault 5. Senza dubbio i suoi designer hanno reinterpretato con brio lo stile originale della versione del 1972. Senza ricadere nel retrò, il prototipo vanta il DNA immediatamente riconoscibile dell’antenata supercult. Dal cuore del Technocentre, il sito dove vengono sviluppati i concept e i modelli del Gruppo Renault, Nicolas Jardin svela la genesi del progetto:

“Per il lavoro sul prototipo non ci è stato dato un tema libero. Si è trattato di un lavoro di rivisitazione dell’oggetto R5 e della sua proiezione nel futuro, per renderlo un oggetto moderno. Per ridisegnare quei fari maliziosi e le luci diurne, «siamo partiti dalle linee, dagli angoli e dai raggi delle modanature del frontale della R5 originaria. Poi, con lo sviluppo dei vari bozzetti, i fari sono diventati completamente diversi a livello di proporzioni e di design. Nella versione finale, lavorata nel minimo dettaglio e molto cesellata, gli occhi sono ridenti e leggermente socchiusi. Invece, le luci diurne, che hanno una forma rettangolare verso il basso e ricordano i fendinebbia supplementari del passato, si inseriscono in un parafango in tinta carrozzeria, come agli esordi. «Il trattamento cristallino e tridimensionale e il taglio molto preciso ricordano il taglio laser e rimandano ai mondi dell’aerodinamica e dell’aeronautica.”

Uno sguardo familiare, ma tecnologico

È grazie all’introduzione di procedimenti ultramoderni che è stato possibile reinventare lo sguardo iconico della R5. Soprattutto la tecnologia LED a matrice, che consente di integrare il movimento programmando animazioni per far vivere i fari. Un esempio eloquente è la sequenza di benvenuto. Il nuovo logo del veicolo si illumina e avvia un’animazione che si estende fino alla calandra. Poi i fari prendono vita come se il veicolo sbattesse le palpebre. Ci faremo conquistare come in passato da un’auto che ammicca?

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Audi Twin Dosing

    WLTP 3.0: Audi risponde con Twin Dosing e soluzioni all’avanguardia

    Promozioni Toyota C-HR febbraio 2021: Hybrid Bonus Toyota