in

La Santa Trinità delle moderne Bugatti: EB110, Veyron e Chiron

bugatti eb110, veyron e chiron
Tempo di lettura: 2 minuti

Trazione integrale, quattro turbocompressori e monoscocca in carbonio: questi gli ingredienti del continuo progredire di casa Bugatti nelle ultime tre decadi. Sono però tre le supercar viste come pietre miliari dell’ingegneria automotive: la Bugatti EB110, la Bugatti Veyron e la Bugatti Chiron. 

Gli amanti delle Bugatti e i collezionisti di tutto il mondo sognano di avere, nel proprio garage, tre vetture che insieme danno vita alla “Santa trinità delle moderne Bugatti”. Stiamo parlando di tre super sports car tra le più famose mai realizzate negli ultimi anni.

Bugatti EB110 

All’inizio del 1990, Romano Artioli diede vita alla prima di queste con la EB110, un nome scelto tutto fuorché a caso poiché la vettura nacque per festeggiare l’anniversario dei 110 anni di Ettore Bugatti, fondatore della Casa. La EB110 vanta la prima monoscocca realizzata in carbonio per una vettura di serie.

Il suo cuore batte con un 3.5 l V12 a quattro turbocompressori capace di erogare, a seconda della versione, 560 CV o 610 CV. Nel 1995, Bugatti diede vita a 96 unità della variante EB110 GT e meno di 40 unità della versione più leggera e potente, la EB110 Super Sport.

chron, veyron ed eb110
Bugatti EB110, Bugatti Veyron e Bugatti Chiron: la Santa Trinità Bugatti

Bugatti Veyron  

La Veyron venne lanciata per la prima volta nel 2005. Ancora una volta i produttori optarono per la monoscocca in carbonio, la trazione integrale e quattro turbocompressori. Con il suo W16 da 8.0 l, la Veyron raggiungeva 1001 CV di potenza e una velocità massima di oltre 400 km/h.

Nel 2010 venne, poi, introdotta la versione Super Sport in grado di erogare 1200 CV e raggiungere i 431 km/h, un nuovo record per i veicoli da strada grazie al quale divenne l’hyper car di serie più veloce al mondo. Furono realizzati solo 450 esemplari, di cui 48 nella variante Super Sport.

bugatti eb110, chiron e veyron
Chiron, Veyron e EB110 sono dei veri e propri capolavori dell’ingegneria automobilistica degli ultimi tempi

Bugatti Chiron

La Chiron soppiantò la Veyron nel 2016. Con 1500 CV e 1600 Nm di coppia, la vettura era in grado di raggiungere i 420 km/h di velocità massima. Con questa vettura, Bugatti introdusse nuovi standard nell’ingegneria automobilistica. Nel 2019, la manifattura francese di lusso raggiunse un nuovo record di velocità mai visto prima su un veicolo di serie: 490,894 km/h. Delle 500 unità pianificate, ne vennero prodotte e vendute solo 250.

Dì la tua

seat contribuisce alla lotta contro il covid

Emergenza Coronavirus: Seat mette in pausa la Leon e produce respiratori

Peugeot VLV: la prima elettrica del Leone è degli anni ’40