in

Lamborghini nel WEC e in IMSA dal 2024: partito lo sviluppo del prototipo LMDh

Tempo di lettura: 2 minuti

Lamborghini Squadra Corse entrerà, solo a partire dal 2024, sia nel WEC sia nell’IMSA americano con un suo prototipo LMDh. La conferma è arrivata in mattinata e apre un futuro ai più alti livelli delle competizioni a ruote coperte internazionali. Dal 2015, Lamborghini compete al vertice del motorsport GT, grazie a oltre 40 titoli e risultati quali la tripla vittoria consecutiva in classe GTD alla 24 Ore di Daytona, dal 2018 al 2020.

Il naturale prosieguo di questo impegno nel motorsport non poteva che essere, sbarrata la strada della F1, l’impegno dei prototipi grazie ai nuovi regolamenti. Così facendo, Lamborghini potrà competere con una sua auto sia alla 24 Ore di Le Mans sia alla 24 Ore di Daytona e alla 12 Ore di Sebring, le più famose gare di durata del mondo.  

“Questo passo segna un’importante pietra miliare per la nostra azienda – ha commentato Stephan Winkelmann, Lamborghini Chairman e CEO. Ci misureremo con i migliori sul banco di prova più impegnativo. Questo progetto darà al nostro programma motorsport una visibilità ancora maggiore e al tempo stesso ci consentirà di testare le tecnologie del futuro. Il nostro prototipo LMDh diventerà un sofisticato laboratorio su quattro ruote”.  

Il programma LMDh si inserisce nella transizione Lamborghini verso le tecnologie ibride: entro la fine del 2024 l’intera gamma stradale sarà infatti ibridizzata. Le vetture LMDh, acronimo di Le Mans Daytona hybrid, debutteranno in gara nel 2023 e saranno ammesse nelle classi più alte del Campionato del Mondo FIA WEC e nel campionato americano IMSA WeatherTech Sports Car. Sarà la Squadra Corse diretta da Giorgio Sanna ad allestire il programma ufficiale.

Lamborghini LMDh: le voci dei protagonisti

“Sono entusiasta che l’azienda abbia sostenuto questo nuovo passo nel nostro percorso motorsport, entrando al massimo livello delle competizioni a ruote coperte – commenta Giorgio Sanna, Lamborghini Head of Motorsport –. Il progetto LMDh giocherà un ruolo fondamentale nella nostra strategia, dandoci l’opportunità di espandere la nostra filosofia di customer racing a nuove piattaforme, rafforzando inoltre le nostre relazioni con team e piloti”. 

Pierre Fillon, Presidente dell’ACO (Automobile Club de l’Ouest): “L’ingresso nella categoria LMDh di un marchio prestigioso come Lamborghini è una notizia splendida per il mondo delle gare endurance. La classe Hypercar sta richiamando costruttori da tutto il mondo; stiamo per celebrare il centenario della 24 Ore di Le Mans e l’inizio di una nuova età dell’oro dell’endurance. E io per primo sono pronto a godermela al massimo”. 

John Doonan, Presidente IMSA (International Motor Sports Association): “IMSA vanta una partnership decennale con Lamborghini, risalente alla nascita del Super Trofeo Nord America. Siamo quindi orgogliosi che Lamborghini confermi il proprio debutto nella classe GTP dell’IMSA dal 2024: avere un marchio di questo calibro in GTP contribuisce a rafforzare l’intera piattaforma LMDh che abbiamo sviluppato assieme ai nostri partner dell’ACO e non vediamo l’ora di vedere i nuovi prototipi Lamborghini in pista”. 

Frédéric Lequien, FIA World Endurance Championship CEO:“L’annuncio del debutto Lamborghini nella classe Hypercar del FIA WEC ci onora. Lamborghini è un brand iconico, tuttavia non ha ancora gareggiato nella massima categoria dell’endurance fino ad ora. Il debutto avverrà in un momento unico nella storia del FIA WEC e il 2024 vedrà un numero eccezionale di marchi correre nella premier class: la competizione sarà accanita ma sono certo che Lamborghini saprà farsi valere”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Distrugge una Ford GT Heritage Edition perchè non sa usare il cambio manuale

    Questa Ferrari 599 preparata dimostra cosa sa fare in derapata [VIDEO]