martedì, 27 giugno 2017 - 21:17
Home / Notizie / Attualità / SUV Urus: confermato lo stabilimento di verniciatura a Sant’Agata Bolognese
SUV Urus

SUV Urus: confermato lo stabilimento di verniciatura a Sant’Agata Bolognese

Tempo di lettura: 1 minuto

Automobili Lamborghini prosegue nel percorso di ampliamento del sito produttivo con l’annuncio della prossima realizzazione di uno stabilimento di verniciatura dedicato al nuovo SUV Urus.

Era il 2015 quando venne confermata la produzione del nuovo SUV Urus e oggi è arrivanto l’annuncio del nuovo edificio dedicato alla verniciatura del SUV Urus. Sarà costruito entro la fine del 2018 e sarà destinato alla verniciatura delle scocche del SUV Urus, il cui arrivo sul mercato è fissato per il prossimo anno. Il reparto di verniciatura si estenderà per un totale di oltre 10.000 mq, comportando un ulteriore ampliamento del sito produttivo, che da 150.000 mq previsti e raggiunti entro il 2017, arriverà ad estendersi fino a un totale di oltre 160.000 mq di superficie coperta.

La decisione raggiunta avrà un impatto favorevole anche in termini di risorse umane: circa 200 le ulteriori assunzioni, che si concluderanno entro il raggiungimento della piena capacità produttiva del nuovo impianto. Queste si aggiungeranno alle 500, ormai in fase di completamento, previste per il terzo modello Lamborghini.

Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer dell’Azienda,  commenta: “Siamo molto soddisfatti di questo risultato, che rappresenta un ulteriore tassello del nostro percorso di espansione strategica. Grazie al sostegno e alla fiducia del nostro azionista AUDI AG, è stata accolta la decisione che più salvaguarda know-how, crescita occupazionale nel territorio e identità di marca.”

SUV Urus

Il nuovo reparto si avvarrà di impianti tecnologicamente innovativi, a basso impatto ambientale, e di manodopera dalle elevate competenze specialistiche. Tutto questo garantirà i massimi standard di qualità su prodotti caratterizzati da un alto livello di personalizzazione.

La conferma è stata favorita da un recente accordo di natura organizzativa sul sistema dei turni tra azienda e sindacato, volto a rendere l’ipotesi di ampliamento fortemente attrattiva in termini di competitività e controllo dei costi.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Raduno Alfa Romeo 4C

Raduno Alfa Romeo 4C: la nostra esperienza alla prima edizione

Tempo di lettura: 4 minuti“La meccanica delle emozioni”, con questo tag-line la storica casa di Arese ha saputo compiere …