in

Le 10 novità del NAIAS che ci hanno stupito di più

Tempo di lettura: 4 minuti

Il mondo dell’automotive è stravolto dall’arrivo massiccio della tecnologia, e anche lo storico Naias di Detroit (11-24 gennaio 2016) risente in parte della vicinanza con il Ces di Las Vegas (6-9 gennaio), l’esposizione più importante dedicata all’elettronica di consumo.

Nel Nevada pochi giorni fa abbiamo assistito alla definitiva consacrazione delle case di auto, presenti per il 2016 in maniera massiccia nel regno dell’hi-tech. A Detroit non mancano le novità per questa edizione, latitano invece gli annunci bomba che avevano caratterizzato le precedenti, a partire dai padroni di casa di Ford, che approfittano del Naias per comunicare una svolta aziendale storica, a scapito dello spazio normalmente destinato ai prodotti: “Dobbiamo continuare a realizzare le migliori auto, suv e pick-up, ma dobbiamo anche guidare il cambiamento verso la mobilità” spiega il Ceo di Ford, Mark Fields.

1) Arriva la Mobility

L’azienda ora vanta una doppia anima: è una “car company” che continuerà la vendita delle auto, ma anche una “mobility company”, ovvero un brand orientato ad offrire servizi per la mobilità in senso più ampio. Una scommessa che potrebbe portare ad un vicolo cieco in termini di business, ma anche un’opportunità che l’Ovale Blu ha le spalle abbastanza larghe da poter affrontare, senza contare il fatto che l’innovazione è nel dna della casa, dalla sua fondazione ai tempi di Henry Ford, inventore dell’utilitaria e della catena di montaggio.

2) Aperti al nuovo, ma con prudenza

Un atteggiamento più prudente verso la tecnologia ed il “nuovo che avanza” è quello del gruppo FCA, dettato forse da un necessario consolidamento della situazione economica. “Il piano di consolidamento continuerà, è inevitabile, nonostante tutti i discorsi sulla mobilità, questa rimane una traversata nel deserto, una cosa molto incerta”, spiega Marchionne a Detroit. Novità e innovazioni sono viste dal manager come cicliche e naturali, le risposte immediate però potrebbero costare care al gruppo ed in questi tempi di grandi cambiamenti è necessario capire come non perdere la propria identità ed i profitti: “siamo un’industria per niente agile, siamo aperti alle novità, ma per il momento stiamo a vedere che strade prenderanno queste nuove soluzioni”.

3) Il suv capisce come stai

Il concept che Kia propone a Detroit si chiama Telluride ed è un sette posti con dimensioni generose, adatto al mercato americano. In linea con il trend della tecnologia wearable, Telluride utilizza dei sensori che come quelli da indossare mostrano delle informazioni biometriche, in questo caso destinate a rilevare lo stato dei passeggeri e regolare di conseguenza le luci a LED con un sistema chiamato Light Emitted Rejuvenation (LER). Tutti gli strumenti del cruscotto sono digitali, mentre la plancia è pensata per essere realizzata con una stampante in 3D. Il nuovo concept è costruito utilizzando il pianale della Sorento e mosso da un sistema ibrido plug-in con trazione integrale, composto da un motore termico V6 aspirato 3.5 litri unito ad uno elettrico, per un totale di 400 CV.

4) La berlina elettrica guida (quasi) da sola

Grande sfoggio di tecnologia per la nuova berlina Classe E di Mercedes, una delle novità più attese ed importanti dello show del Michigan per una casa che va sempre più nella direzione dell’auto a guida autonoma. Per dimensioni e contenuti la Classe E vista negli USA è sempre più simile e vicina alla Classe S, i sistemi per la guida automatizzata ora sono in grado di gestire il cambio di corsia, inoltre, l’auto rallenta da solo in caso di pedoni o veicoli in sosta, mentre l’Attention Assist misura la stanchezza di chi è al volante.

5) Elettrica a doppio motore

Suv all’insegna della tecnologia anche per Audi, con la E-tron Quattro concept, un’elettrica che utilizza come alimentazione sia la batteria sia le celle a combustibile. Grazie ai due motori da 122 e 190 CV la vettura è in grado di coprire da 0 a 100 km/h in meno di 7 secondi con un’autonomia dichiarata di ben 600 chilometri.

6) Porsche a tutto touch

La casa di Stoccarda a Detroit svela i nuovi modelli di punta, 911 Turbo e 911 Turbo S, con un aumento di potenza di entrambi di 20 CV e una riduzione dei consumi. Anche per Porche, rivoluzione all’insegna della tecnologia, schermo touchscreen con navigatore, impianto audio Bose e possibilità di collegamento wireless dello smartphone con il computer di bordo.

7) Offroad ibrido

Dopo aver stupito tutti al Ces di Las Vegas con la nuova versione tech dello storico pulmino, Volkswagen ci riprova al Naias con il Tiguan GTE Active Concept disponibile dal 2017. È un Suv elettrico a quattro ruote motrici destinato a dare il via ad una nuova generazione di veicoli “made in Wolfsburg” pensati in prevalenza per gli States.
L’auto utilizza un sistema ibrido plug-in con tre motori per un totale di 225 CV suddivisi sulle quattro ruote ed è studiato per fornire prestazioni da fuoristrada anche in modalità elettrica.

8) Più leggera e potente

Trionfa allo stand Bmw la nuova coupé M2 che grazie all’uso dell’alluminio pesa cinque chili in meno e utilizza un sei cilindri in linea 3.0 litri con una potenza di 370 CV ed una coppia di 465 Nm (possibilità d’overboost con ulteriori 35 Nm). Accelerazione da zero a 100 km/h in 4,3 secondi, differenziale attivo M e cerchi in lega da 19 pollici.

9) Concept Supersportiva

La Buick Avista è una vera e propria chicca del salone destinata agli appassionati, una sportiva coupè concept 2+2 di General Motor che detta le linee stilistiche della casa per il futuro e ripropone con un nuovo linguaggio estetico la Chevy Camaro. Oltre che per il design, il modello si distingue grazie allo sterzo posizionato sulle ruote posteriori ed il motore twin-turbo V6 da 400 cavalli.

10) Rugged Truck

Il pick-up o truck (come lo chiamano gli americani) è il mezzo a quattro ruote più diffuso negli States, storicamente grande protagonista del salone di Detroit. Per l’edizione 2016 è Nissan a proporne uno con dimensioni maggiorate, oltre ad equipaggiamento ed assetto “rugged”. Il propulsore è un V8 turbodiesel 5.0 litri da 310 CV con cambio automatico a 6 marce, a cui si aggiungono cerchi in alluminio da 18 pollici, fari anteriori a LED, protezioni sottoporta sulle fiancate e le piastre di protezione in alluminio anteriori e posteriori. Gli interni sono in pelle e fibra di carbonio con cromature lucide.

Dì la tua

Carrera Cup Italia 2015: Tsunami RT vince la classifica team

Euro NCAP: la nuova Honda Jazz “Best in Class” tra le “Supermini”