in

Limo-Jet: la fusione che non ti aspetti [VIDEO]

Limo-jet
Tempo di lettura: 2 minuti

Questa one-off del cielo e della terra, potremmo chiamarla così, è un oggetto di non facile definizione. Più aereo o più limousine? Non potendo volare, come vedete mancano le ali, sarebbe giusto definirla…Limo-jet!

Nel 2018 il proprietario di un Learjet, il classico aereo privato di chi può permetterselo (Lewis Hamilton ne possiede uno) decise che una normale limousine non sarebbe bastata per sorprendere gli amici e così volle convertire il suo jet in un qualcosa di unico: a giudicare dal risultato, sicuramente l’obiettivo è stato centrato. 

Tolte le ali e aggiunte le ruote, opportunamente studiate per reggere il peso e per ospitare un impianto frenante all’altezza (tanto che i cerchi sono da 28”), dietro i posti a sedere è stato installato un V8 di origine General Motors da ben 8,1 litri per muovere la stazza di 11 tonnellate del gioiellino.

Ruote da 28″ e freni studiati ad hoc

Questo Limo-Jet finirà presto all’asta: dal 23 al 28 giugno sarà uno dei lotti del Mecum Indy 2020, virus permettendo, e voleranno, è il caso di dirlo, cifre stellari (il suo valore parte da 5 milioni di euro) per portarsi a casa un oggetto unico nel suo genere e perfettamente funzionante. Ovviamente il Limo-Jet è omologato per la circolazione grazie alle opportune modifiche al telaio anche se le dimensioni, non essendo autoarticolato, spaventano: 12 metri scarsi di lunghezza per 2,4 di larghezzaNessun problema per quanto riguarda l’accesso a bordo, garantito fino a 18 passeggeri: è stata mantenuta la scaletta del Learjet, sul lato destro.

A vedere da dentro il Limo-Jet, invece, sembra proprio di trovarsi di fronte alla più classica delle famose Lincoln bianche allungate. 

L’interno, infatti, potrebbe far invidia a una discoteca anni ‘80, con l’aggiunta delle luci a LED che il progresso della tecnologia ci ha reso disponibili nel passato recente.  Non mancano lo schermo piatto e per intrattenere gli ospiti mentre il guidatore può sedersi in quello che prima era il “cockpit” di un tir. Altra chicca, l’impianto audio: dalle foto si può notare che le casse sono state installate in quelli che prima erano i motori del Learjet, mentre sul timone di coda c’è un ulteriore diffusore.

A livello di originalità, questo Limo-Jet batte tutti. Se volete un’ulteriore conferma, vi basta cliccare play sul video qui sotto.

Dì la tua

World Car Award 2020

Doppio podio per Kia ai World Car Awards 2020

raccolta fondi covid-19

Raccolta fondi Covid-19: Ferrari dona un milione di euro a Modena