mercoledì, 11 Dicembre 2019 - 15:44
Home / Notizie / Ecologia / Live the Motion #MadeToLast 2019: vince l’Università di Bologna
Live the Motion

Live the Motion #MadeToLast 2019: vince l’Università di Bologna

Tempo di lettura: 2 minuti.

Giovedì scorso si è concluso il concorso promosso da Michelin per dibattere sul tema “La strategia Michelin Long Lasting Performance: benefici ambientali, economici e sociali”. A sfidarsi per la vittoria, anche se simbolica, gli studenti dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, impegnati nel progetto Live The Motion #MadeToLast 2019.

La squadra composta da Silvia Graziosi, 20 anni, Alessandro Lunari, 20 anni, ed Elisa Gamberini, 20 anni, dell’Università di Bologna, ha così vinto la finale del concorso per studenti universitari dopo un “pitch event” che ha dato modo di esporre le loro idee in un tempo limite, solo 5 minuti. 

Michelin premia così gli studenti con un finanziamento di 8.000 euro per il progetto presentato dal titolo Flip the Motion”. Il Flipbook e il fumetto sono i protagonisti del progetto vincitore, che ha previsto un piano di comunicazione su tre canali: commercial televisivo, campagna social e youtube per promuovere i benefici della strategia Michelin Long Lasting Performance. 

I due team finalisti si sono sfidati durante l’evento, moderato da Valerio Berruti, caporedattore Auto-motori di la Repubblica, che ha visto la partecipazione di Leonardo Becchetti, economista e Prof. ordinario di Economia Politica presso l’università di Roma Tor Vergata (in video), Marco Cattaneo, direttore del National Geographic Italia, Marco Do, direttore della Comunicazione di Michelin Italia, Valerio Sonvilla, Responsabile Prodotto Michelin Italia.

L’evento poi si è concluso con la premiazione del progetto vincitore selezionato dalla giuria composta da: Stefano Corgnati (Politecnico di Torino), Josephine Di Chiara (Michelin Italia), Lamberto Tronchin (Alma Mater Studiorum Università di Bologna), Gianfranco Pecchinenda (Università degli Studi di Napoli Federico II).

“Inizialmente indecisi se partecipare o meno, ma spinti dalla voglia di entrare nel mondo dei “grandi” e mettere in pratica quello che abbiamo imparato alle lezioni di semiotica, ci siamo iscritti e abbiamo lavorato tutti i giorni insieme, tra una lezione e l’altra e a casa. Il contest era un pensiero costante, giorno e notte! Mamma, papà, coinquilini…tutti coinvolti nei nostri brainstorming. Piano piano abbiamo messo insieme tutte le nostre idee e pensare e lavorare a stretto contatto ci ha unito ancora di più. La chiamata per le finali è stata una grandissima emozione, inaspettata, ci si è fermato il cuore! E ora siamo increduli, emozionati, orgogliosi del lavoro fatto e abbiamo tanta voglia di raccontare la nostra vincita a tutti! Ringraziamo Michelin e sfrutteremo questa vincita per pagarci un master in vista del proseguimento dei nostri studi. L’emozione provata è veramente #madetolast”.

Silvia Graziosi, Alessandro Lunari, Elisa Gamberini

L’impegno di Michelin verso una mobilità più sostenibile

Sempre parlando di sostenibilità nel mondo automotive, Michelin si è fatta promotrice della battaglia contro il cambio pneumatici sopra il limite legale di 1,6 mm, un’esperienza che ci ha coinvolto direttamente nel corso di un evento nel luglio scorso. A tale proposito, Valerio Sonvilla, Responsabile Prodotto Michelin Italia, spiega in questo video come comportarsi davanti ai dubbi che possono assalire ogni automobilista.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Visionary Days 2019

Visionary Days 2019: FCA chiama a raccolta i giovani

Sono stati circa un migliaio i giovani, tra i 25 e i 30 anni, presenti …