in

Maradona e il motorsport: l’amicizia con Schumi e tanti altri campioni

maradona
Tempo di lettura: 2 minuti

La passione di Diego Armando Maradona per le auto, scomparso ieri all’età di 60 anni, l’abbiamo voluta riscoprire proprio per omaggiare il campione argentino nel giorno che ce l’ha portato via per sempre. Forse, però, non tutti sanno quanto Maradona amasse il motorsport e quanto fosse contento quando un team, che fosse esso impegnato in F1, WRC o MotoGP, lo chiamasse per un’ospitata. Tutti nella squadra erano entusiasti di trovarselo a fianco ma il primo entusiasta era proprio lui.

Ecco perchè, negli anni, Maradona più volte si è visto in giro per i paddock di svariati campionati, ma è con la F1 che si stava per concretizzare, ben 33 anni fa, una chance clamorosa. Ammaliati dal suo talento, nel team Williams, all’epoca campione del mondo, si arrivò ad offrire a Diego un test a bordo di una delle loro vetture, ipotesi poi non concretizzatesi a causa di impegni calcistici.

Lo si è visto poi ai box Ferrari accanto a Niki Lauda e, più di recente, dopo la sua esperienza alla guida della nazionale argentina, a Dubai impegnato in una partita di calcio amichevole cui partecipò anche Fernando Alonso, al primo anno con la tuta rossa Ferrari.

maradona

Ci fu anche un episodio in cui Maradona fu chiamato come ospite dal team Citroen, impegnato nel WRC: nel 2008, Rally d’Argentina valevole per il mondiale, Sebastian Loeb scarrozzò l’ex giocatore del Napoli sulla sua C4 WRC. Ecco il video di quell’esperienza.

Particolare fu il suo rapporto con Michael Schumacher: il primo incontro fu al Gran Premio di Montecarlo 1995, quando il talento argentino aveva da poco appeso le scarpette al chiodo. Ci furono altri incontri e la passione comune, sia per il calcio sia per le auto, a unire le due leggende. Proprio in occasione del 46° compleanno di Schumi, nel 2015, a due anni dal suo incidente, Maradona postò una foto sui suoi social che ritraeva i due proprio nel 1995. Iconica la didascalia: “Fuerza Schumi“.

maradona

Durante un’intervista, invece, dichiarò che se sua figlia Giannina, nata nel 1989, fosse nata di sesso maschile, il suo nome sarebbe stato Ayrton, in omaggio al compianto pilota brasiliano, anche lui classe 1960 come Diego. Ayrton Maradona, un nome che avrebbe messo i brividi solo a pronunciarlo…

Non serve aggiungere altro…Ieri praticamente la quasi totalità dei piloti oggi impegnati in F1 ha voluto esprimere sui propri social un proprio messaggio di cordoglio.

Un video diffuso in rete racconta il rapporto tra Maradona e il motorsport

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    ferrari donald trump

    La Ferrari di Donald Trump presto finirà all’asta

    ds techeetah 2021

    DS Techeetah pronta per la stagione 2020/21 di Formula E: presentata la nuova livrea