in

Mercedes AMG: la sua storia e il futuro elettrificato

Mercedes AMG 50 anni
Tempo di lettura: 3 minuti

Mezzo secolo alle spalle con tre lettere che ricordano un percorso di crescita, dinamismo, prestazioni ed esclusività. Mercedes AMG ricorda il suo passato e si proietta su un futuro fatto di e-Performance.

Tutto iniziò da Affalterbach

L’azienda Mercedes AMG ha alle spalle una storia di oltre 50 anni e davanti a sé un futuro con una strategia di elettrificazione. Tra i punti di forza, si sottolinea la collaborazione di esperti di Formula 1 di Mercedes AMG High Performance Powertrains (HPP) e del team di F1 Mercedes AMG Petronas.

Da pochi giorni il team Mercedes AMG di Affalterbach ha presentato il nuovo badge e-Performance, nato per identificare la sua futura gamma di modelli plug-in. Ma per comprendere il futuro di un’azienda bisogna conoscerne la storia. Ripercorriamo, quindi una breve carrellata le pietre miliari storiche del Marchio di Affalterbach!

Mercedes AMG: dal 1967 alla futura e-Performance

  • 1967 a Burgstall: Hans-Werner Aufrecht ed Erhard Melcher fondano l’Ingenieurbüro – Konstruktion und Versuch zur Entwicklung von Rennmotoren (Studio di ingegneria – progettazione e collaudo per lo sviluppo di motori da gara), antesignano di AMG. AMG è l’acronimo di Aufrecht, Melcher e Großaspach, il luogo di nascita di Aufrecht
  • Nel 1971 Mercedes AMG si fa subito conoscere: la rossa AMG 300 SEL 6.8 conquista la vittoria di categoria nella 24 Ore di Spa-Francorchamps. Si piazza seconda in classifica generale
  • Nel 1976 l’azienda è trasferita ad Affalterbach, dove acquisisce la denominazione odierna. In un padiglione di nuova costruzione l’officina di motori da gara si ingrandisce, fino a diventare un costruttore di modelli berlina e coupé sportivi
  • Nel 1984 Erhard Melcher sviluppa in completa autonomia una testata cilindri con tecnica delle quattro valvole. Il gruppo innovativo è montato come V8 da 5,0 litri su una Mercedes-Benz 500 SEC
mercedes-amg history

È da allora che vige il principio One Man, One Engine.

  • La nuova testata cilindri trova impiego, dal 1986, non solo nella versione Mercedes AMG della Classe S, ma anche nella berlina. Dal 1987 si aggiunge anche nel coupé della classe media (W124). Con una potenza di 265 kW (360 CV) è stata battezzata dalla stampa statunitense con il soprannome The Hammer
  • Dal 1988 AMG non costruisce solo le Mercedes-Benz 190 E da corsa, ma si dedica anche al DTM, il Campionato Tedesco Turismo
  • La collaborazione con Mercedes-Benz ha inizio nel 1990 (da questo momento si abbina spesso la dicitura Mercedes-AMG). Dal 1991 AMG sviluppa e produce vetture di taratura sportiva firmate Mercedes-Benz
  • Con la C 36, AMG nel 1993 ha lanciato la prima vettura sviluppata con Daimler-Benz, sulla base di un contratto di collaborazione. Con 5.000 esemplari venduti fino al 1997 diventa il primo successo di vendite
  • Dal 1999 Mercedes AMG è per il 51% di proprietà DaimlerChrysler
  • Nel 2001 il cambio automatico a 5 marce di nuovo sviluppo è abbinato nella C 32 AMG al V6 Kompressor di 3,2 litri. L’innovativa funzione one-touch permette di selezionare le marce manualmente
  • Nel 2005 AMG diventa una consociata al 100% di Daimler AG
  • La Mercedes-Benz SLS AMG presentata nel 2009 è la prima vettura sviluppata interamente da Mercedes AMG. Tutto il mondo subisce il fascino delle sonorità, della dinamica di marcia e delle porte ad ali di gabbiano
  • Con la SLS AMG GT3, nel 2011, AMG tende l’arco verso il mondo delle gare. La SLS GT3 rappresenta allo stesso tempo l’ingresso di Mercedes-Benz nel customer sport esclusivo
  • La Mercedes AMG GT, presentata nel 2014, è la seconda vettura sportiva sviluppata in completa autonomia ad Affalterbach
  • Con l’ingresso nel segmento dei modelli compatti e con i modelli 43, AMG amplia la sua gamma e si apre a nuovi target
  • Dal 2016 la Mercedes AMG GT3 continua a essere protagonista della storia del customer sport. Nella 24 Ore ADAC Zurich del Nürburgring le squadre al volante della AMG GT3 si aggiudicano i primi quattro posti
  • Con quasi 100.000 esemplari venduti, AMG affronta il 2017, suo cinquantenario, con un nuovo record di vendite al suo attivo
  • Nel settembre del 2017, in occasione del Salone Internazionale dell’Automobile (IAA) di Francoforte, debutta in anteprima mondiale la Mercedes AMG Project ONE. Una due posti supersportiva da 1.000 cavalli di potenza, che adotta la tecnologia ibrida di Formula 1, trasferendola per la prima volta dalla pista alla strada quasi in rapporto 1:1
  • Nel 2018, al Salone di Detroit, AMG presenta le motorizzazioni 53 di Classe E e CLS. Elemento centrale dei modelli è il motore elettrificato da 3,0 litri, con sovralimentazione doppia mediante turbocompressore a gas di scarico e compressore elettrico supplementare
  • Nel 2020, malgrado la crisi sanitaria, AMG ha venduto 125.129 unità in tutto il mondo

Arrivando ad oggi, a marzo di quest’anno AMG ha svelato la strategia che nei prossimi anni vedrà una forte elettrificazione del brand. All’attivo, con 24 modelli e oltre 50 varianti, Mercedes AMG offre una gamma ampia e diversificata del segmento premium: compact car, berline, station wagon, coupé, SUV, cabrio e roadster.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Cupra Leon e-Hybrid

    Cupra Leon e-Hybrid: prestazioni, motore, allestimenti e prezzo

    Ford Kuga Hybrid: focus tecnico sull’ibrido “di mezzo” dell’Ovale