venerdì, 18 Ottobre 2019 - 7:55
Home / Notizie / Sicurezza / Michelin si rivolge ai più giovani con Live the Motion
Live the Motion

Michelin si rivolge ai più giovani con Live the Motion

Tempo di lettura: 2 minuti.

Michelin, popolare costruttore di pneumatici francese, da anni si impegna per numerose campagne di sensibilizzazione verso le politiche ambientali e la sicurezza stradale. L’ultima in ordine di tempo si chiama Live the Motion e si rivolge ai più giovani, in due precise fasi che andiamo ad illustrarvi.

Si parte il 7 maggio con #bastameno, il concorso social che sfida i ragazzi (da 19 a 25 anni) a diventare protagonisti della campagna a favore della sicurezza, e si continua con una “sfida di cervelli” nelle università.

Michelin chiede quindi ai ragazzi iper connessi e interessati ad innovare il concetto di mobilità che li circonda di condividere il più possibile, fino a farle diventare virali, foto dal tono serio, scherzoso o ironico che possa esprimere la propria idea di mobilità 2.0 o anche 3.0, basta condividerla con l’hashtag #bastameno.

Prima di fare ciò bisogna però iscriversi in pochi passaggi sul sito www.livethemotion.it dopodichè sarà possibile caricare, anche da smartphone, la propria foto sui canali social Facebook e Instagram, fino all’8 giugno. Un mese di tempo per far conoscere a tutti le proprie idee e, come si conviene a questo tipo di attività, c’è un premio finale.

I ragazzi stessi diventeranno così protagonisti della propria sicurezza e di quella dei loro amici, e testimonial social della campagna #bastameno. Saranno loro a dimostrare che per viaggiare sicuri basta seguire alcune semplici regole… d’oro. È questo il senso dell’hashtag #bastameno.

Le foto più belle verranno premiate con un viaggio, in previsione dell’estate, in alcune delle località turistiche più in voga: bisognerà scegliere tra Barcellona, Londra e Santorini. Alcuni consigli? Ispiratevi alle 10 regole per condividere le vostre foto su Live the Motion: rispettare il codice della strada, indossare il casco, controllare i pneumatici, proteggere i bambini a bordo, allacciare le cinture di sicurezza, guidare solo se si è lucidi, non usare il cellulare alla guida, rispettare i limiti di velocità, fermarsi se si è stanchi, essere cortesi e rispettosi.

Il progetto Live the Motion: fase due

Live the Motion

Dopo aver premiato i più giovani, si passerà a una seconda fase che coinvolgerà gli studenti universitari dei Politecnici di Milano e Torino e dell’Università degli Studi di Palermo, invitandoli a presentare nuovi e originali progetti sul tema della mobilità e dell’innovazione.

“Maratona di cervelli” a Torino su mobilità e sicurezza

A novembre gli studenti del Politecnico di Torino si sfideranno in una vera e propria maratona (hackathon) sul tema della “Mobilità a incidenti zero: sicurezza a bordo veicolo e su strada”. Nella giornata preposta, la cui data verrà decisa in seguita, centinaia di cervelli dovranno sviluppare in team le idee più innovative per il futuro della mobilità.

Sempre a novembre gli studenti del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi di Palermo dovranno invece sfidarsi su un tema ben preciso: la mobilità a emissioni zero, ormai tanto in voga tra le Case nel presente e sempre più nel futuro.

Ci sarà una fase di selezione che si svolgerà tra i due atenei, dove verranno scelti gli studenti (o i team) meritevoli di andare in finale grazie alle loro idee “salva mobilità”. I due primi classificati di ciascun ateneo svilupperanno la loro idea in un evento finale aperto al pubblico in cui presenteranno i propri progetti in un tempo massimo di 5 minuti (nella modalità del pitch event).

Se per gli studenti da 19 a 25 anni il premio di Live the Motion consiste in un bel viaggio, per i più grandi il premio consisterà in un finanziamento in denaro del progetto vincitore, che sicuramente attrarrà l’attenzione delle Case automobilistiche grazie all’impegno di Michelin.

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Blind Spot Information Assist

Occhio ai sorpassi: come funziona il BLIS di Ford

Abbiamo imparato a conoscere una parte degli ADAS che compongono la famiglia di assistenti alla …