in

MINI Vision Urbanaut: il concept pronto per il debutto “fisico”

MINI VISION URBANAUT
Tempo di lettura: 3 minuti

Con la presentazione della “virtual vision” della MINI Vision Urbanaut di novembre 2020, il marchio MINI ha svelato la sua nuova interpretazione di mobilità. Ora il BMW Group è pronto a svelare un modello fisico del veicolo, che permetterà al pubblico di avere un’idea tangibile del concept degli spazi e dei materiali sostenibili utilizzati. Il modello sarà presentato in anteprima mondiale il 1° luglio 2021 durante la conferenza DLD Summer di Monaco. 

In MINI pensiamo sia nostra responsabilità preservare e sviluppare le caratteristiche uniche del nostro marchio nei prossimi anni e in quelli a venire”, spiega Bernd Körber, Head of MINI. “Con gli occhi rivolti al futuro, attraverso la MINI Vision Urbanaut, abbiamo sviluppato un’idea di come sia possibile portare le caratteristiche di MINI – come in questo caso, con il focus sul “Clever Use of Space” – nel futuro della mobilità e interpretarle in un modo tipicamente MINI. Porta lo spazio personale dell’utente all’interno dell’auto e gli offre varie possibilità, dalla creazione di un’oasi urbana all’esperienza della libertà nel “Wanderlust Moment”. La MINI Vision Urbanaut rappresenta l’immagine di come il “Clever Use of Space” di MINI potrebbe fornire una risposta alle esigenze delle città e degli stili di vita futuri”

Oliver Heilmer, Head of MINI Design aggiunge: “Noi di MINI Design crediamo che il modo migliore per capire il concept generale dietro la MINI Vision Urbanaut sia quello di viverlo. La spazialità e i materiali innovativi vanno semplicemente esplorati. Ecco perché, fin dall’inizio, è stato molto importante per noi realizzare anche un modello fisico della MINI Vision Urbanaut. Ed ora quel momento è arrivato. Abbiamo progettato e costruito ogni aspetto del modello – che permetterà alle persone di sperimentare tutte le sfaccettature della MINI Vision Urbanaut – presso il nostro MINI Design Studio di Monaco”. 

MINI VISION URBANAUT

la MINI Vision Urbanaut si contraddistingue anche per l’attenzione alla sostenibilità che può essere osservata e sperimentata direttamente in vari aspetti del veicolo. Il punto di partenza per il concept è stato il “Clever Use of Space” per il quale MINI è rinomata: massimo spazio con il minimo ingombro possibile. Sebbene la MINI Vision Urbanaut sia lunga solo 4,46 m, la sua altezza rende disponibile uno spazio interno che può essere utilizzato in molti modi diversi e offre una libertà di movimento completamente nuova. Il sistema di propulsione elettrica assicura una mobilità senza emissioni. Un ulteriore caratteristica è presentata dalla possibilità di utilizzare il veicolo per scopi che vanno oltre la semplice mobilità. Infatti, la MINI Vision Urbanaut crea uno spazio urbano per le persone anche da ferma, aumentando significativamente la quantità di tempo in cui il veicolo può essere utilizzato semplicemente per passare del tempo al suo interno.

La MINI Vision Urbanaut si contraddistingue per un uso sostenibile delle risorse. A questo scopo, fin dalle prime fasi di sviluppo del concept, il team si è concentrato sulla riduzione costante del numero di componenti e sull’evitare l’utilizzo di materiali non necessari. Ciò è stato ottenuto grazie ad uno sviluppo che comprende un’intelligente doppia funzionalità per il cruscotto (che può trasformarsi in daybed) e l’apparizione per la prima volta di un display centrale OLED circolare, che si riformula come un’elegante lampada nel Chill Moment, sopra il tavolo. Massimizzare la durata d’uso assicurando che i materiali possano essere sostituiti è stata un’ulteriore priorità. In quest’ottica, le coperture intercambiabili sono un ottimo esempio. Inoltre, l’interno è stato creato senza l’impiego di cromo o pelle, un approccio che sarà introdotto anche nella prossima generazione di modelli MINI. 

MINI VISION URBANAUT

Gli interni della MINI Vision Urbanaut presentano un’alta percentuale di materiali riciclati e i materiali utilizzati sono quasi esclusivamente rinnovabili e riciclabili. Il materiale predominante negli interni è composto da tessuti realizzati con materiali riciclati (tra cui lana, poliestere e Tencel) che fondono la sensazione di intimità e qualità con la morbidezza e il comfort. I designer hanno anche prestato particolare attenzione alle soluzioni composte da un solo tipo di materiale – i cosiddetti “monomateriali”. Questi ultimi sono infatti semplici da riciclare e possono essere trasformati in nuovi prodotti. L’impiego del sughero sul volante e sulle sezioni del pavimento aggiunge un tocco speciale grazie alla sensazione di naturalezza che emana, e garantisce un clima interno autenticamente piacevole. Nel complesso, i materiali della MINI Vision Urbanaut sottolineando i livelli estremamente alti di qualità, visiva e tattile, che solo un abitacolo progettato in ottica sostenibile può offrire. 

Un altro obiettivo dii MINI è quello di utilizzare l’integrazione digitale per intensificare o arricchire l’esperienza analogica. Questo approccio che può essere definito “amore analogico, connessione digitale” è presente in tutto il veicolo. Infatti, un ulteriore livello digitale è stato integrato sotto diverse superfici analogiche. Alcuni esempi sono il tavolo all’interno della vettura (che avvia i MINI moments quando il MINI Token viene inserito in una delle fessure), la lampada con display OLED e le matrici LED nell’interno sotto uno strato di tessuto o nella parte anteriore e posteriore della vettura. Queste aree del veicolo riuniscono il mondo analogico e quello digitale in un’esperienza nuova e coinvolgente. E tutto questo può ora essere sperimentato in un veicolo reale, grazie al lavoro dei modellisti del BMW Group. 

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Dallara EXP: solo per la pista con 500 CV e meno di 900 KG [VIDEO]

    renault eways

    Renault eWays: l’accelerazione della Losanga verso l’elettrico