giovedì, 18 Aprile 2019 - 18:20
Home / Notizie / Novità / Nuovo Mitsubishi Eclipse Cross Diesel: debutta il nuovo 2.2 DiD
Eclipse Cross Diesel

Nuovo Mitsubishi Eclipse Cross Diesel: debutta il nuovo 2.2 DiD

Tempo di lettura: 2 minuti.

Sul mercato il SUV Coupé di Mitsubishi è arrivato con la sola motorizzazione benzina 1.5, da noi già provata, e, come annunciato dalla marca al momento del lancio, è arrivato il momento di introdurre un nuovo motore a gasolio sui mercati europei. La nuova Eclipse Cross Diesel vede infatti l’ingresso in gamma del 2.2 DiD da 148 CV.

Eclipse Cross Diesel rappresenterà quindi un arricchimento dell’offerta, pensato per soddisfare le esigenze di alcuni mercati, Italia compresa, dove la domanda di auto Diesel è ancora importante. Tra i punti da segnalare, il debutto parallelo del nuovo cambio automatico a 8 rapporti, settato specificatamente per questo modello, e la presenza della trazione integrale Super-All Wheel Control.

I segreti del nuovo motore Diesel di Eclipse Cross

Eclipse Cross Diesel

Il nuovo arrivato nella gamma del SUV Coupé è il primo motore diesel al mondo a essere dotato della fasatura variabile delle valvole; specificamente messo a punto per Eclipse Cross, è stato ottimizzato per ridurre ulteriormente gli attriti fra le parti in movimento e migliorare la reattività del sistema di iniezione.

I vantaggi sono una maggiore economia dei consumi, emissioni più pulite, riduzione dei rumori meccanici e un incremento di coppia fino a 388 Nm a 2000 giri. Inoltre, l’alleggerimento di pistoni, bielle e albero motore contribuisce a dare un’accelerazione ben distribuita e costante sull’intero regime di giri.

Il confronto tra l’attuale benzina 1.5 e il nuovo Diesel 2.2 è indicativo della direzione intrapresa, con un’erogazione di coppia più generosa ai bassi regimi che permette una maggiore grinta nello spunto e una guida più fluida.

  1.5 benzina 4WD CVT 2.2 Diesel 4WD T/A
Potenza max. 163 CV a 5500 giri/min 148 CV a 3500 giri/min
Coppia max. 250 Nm a 2400-4500 giri/min 388 Nm a 2000 giri/min
60-80 km/h 4 s 3,5 s

Il cambio automatico di nuova generazione è invece frutto delle ultime ricerche sull’ottimizzazione della velocità di cambiata e dell’efficienza energetica. Inoltre, l’uso di una pompa olio a solenoide garantisce la necessaria pressione dell’olio alla frizione, anche a veicolo fermo, consentendo ripartenze immediate e ottimizzando la funzionalità dell’Auto Stop & Go, che a sua volta riduce i consumi di carburante. Presenti, inoltre, l’ausilio per partenza in salita, sistema di controllo della velocità in discesa, controllo del rilascio acceleratore e Rapid Kick-Down Control.

Non manca, infine, la tecnologia S-AWC, la quale gestisce la forza motrice e la potenza frenante sulle quattro ruote, in particolare attraverso la ripartizione della coppia tra ruote di sinistra e di destra. Inizialmente la trazione integrale eroga la coppia ottimale all’assale posteriore in base all’input dell’acceleratore, alla velocità del veicolo e alle condizioni di guida.

L’S-AWC va sostanzialmente a migliorare la precisione della vettura in curva, la stabilità del veicolo in rettilineo e nei cambi di corsia, e la manovrabilità sulle superfici a bassa aderenza, con una ripartizione della coppia predefinita anteriore/posteriore di 80:20 – immediatamente e costantemente regolabile fino a un massimo di 55:45 nella modalità AUTO. Le potenzialità del sistema sono state ulteriormente arricchite dalle due nuove modalità “Neve” e “Ghiaia”.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Nuova Lotus Esprit

Nuova Lotus: cosa arriva?

Sulle pagine social di Lotus è partito il countdown: il 16 aprile 2019 al Shangai …