lunedì, 10 dicembre 2018 - 2:05
Home / Notizie / Curiosità / Charleston, la moto retrò ispirata alla mitica Citroen 2CV
Charleston

Charleston, la moto retrò ispirata alla mitica Citroen 2CV

Tempo di lettura: 2 minuti.

Un unico esemplare, la passerella di EICMA 2018 e un’origine di tutto rispetto. Nasce così la moto Charleston, ispirata all’omonima Citroen 2CV e alle sue forme.

Nell’anno dei 70 anni del modello, anche noi delle quattro ruote siamo rimasti catturati da questo progetto che crea il giusto mix tra tradizione e innovazione, con un poco di creatività che non guasta mai. A realizzarla “South Garage”, tra i principali e rinomati preparatori di motociclette a livello nazionale, il quale si è ispirato raccogliendo opionini e critiche al Raduno Nazionale delle 2CV del luglio scorso, a Gonzaga.

Il preciso obiettivo dell’operazione è stato quello di dare alla moto un imprinting stilistico che richiamasse  immediatamente le linee della 2CV, ma senza effettuare interventi invasivi su telaio, ciclistica e motore della moto originale.

La sua musa ispiratrice

Il modello 2CV Charleston vide la luce nel 1980, per arrivare sul mercato solo un anno più tardi. Tra le serie speciali meglio ricordate lungo i 70 anni della bicilindrica francese, presentata al Salone di Parigi del 1948, lo stile della Charleston fu opera di Serge Gevin in omaggio ai “ruggenti” Anni Venti, gli “anni folli”, in stile retrò, che esprimevano brio e dinamismo, non a caso proprio Charleston è il famoso ballo di derivazione jazzistica molto in voga in quegli anni.

La versione due ruote riprende inoltre la tipica colorazione nera associata al “Rouge Delage”, una tinta bordò che prende il nome dalle vetture di lusso costruite nella prima metà del ‘900 e che caratterizzarono gli Anni Trenta in Francia. Volete sapere una curiosità? Fu proprio una 2CV Charleston l’ultima a uscire dagli stabilimenti portoghesi di Mangualde il 27 luglio del 1990.

Charleston

Sulla moto Charleston sono proposti i parafanghi della 2CV Charleston, con le loro inconfondibili  forme arrotondate. E’ stato inoltre installato un originale porta-pacchi cromato che richiama il logo del Double Chevron. Come le altre parti della carrozzeria della moto, il serbatoio è stato accuratamente carteggiato, filettato ed infine verniciato nei colori originali della 2CV Charleston per un effetto elegante e brillante. Un lavoro artigianale, eseguito interamente a mano con grande maestria.

 

 

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Cambio DSG

15 anni di cambio DSG: ripercorriamo la sua storia

Era il 2003 e faceva capolino nel mondo automotive il cambio DSG. Da allora, in …