in

NAIAS 2016: la nuova Lexus LC 500

Tempo di lettura: 3 minuti

Quando il concept LF-LC di Lexus fece il suo esordio in occasione del North American International Auto Show nel 2012, stampa, clienti e appassionati del settore si chiesero se una vettura dalle forme e proporzioni così estreme si sarebbe mai potuta evolvere in una coupé 2+2 di serie. Oggi, a distanza di quattro anni, Lexus presenta la nuova coupé LC 500; un modello le cui forme tese e slanciate anticipano la cifra stilistica che caratterizzerà i futuri modelli del Brand.

Akio Toyoda, Chief Branding Officer e Master Driver di Lexus ha dichiarato: “La LC 500 è un prodotto fondamentale tanto per me quanto per Lexus. Alcuni anni fa abbiamo deciso di concentrarci su prodotti che esprimessero maggiore passione e personalità all’interno del segmento Luxury. Le proporzioni, il design e le performance di questa nuova coupé riassumono tutto ciò, e questo modello ci guiderà nello sviluppo di futuri prodotti caratterizzati da un appeal sempre maggiore.”

Al di là delle caratteristiche estetiche e delle performance motoristiche, la nuova LC 500 diventa oggi il simbolo dei risultati ottenuti grazie alla strettissima collaborazione tra il team di designer e quello degli ingegneri; un impegno congiunto che ha aiutato a superare i tutte le sfide che si sono presentate. In sostanza questo modello rappresenta una sintesi tra le competenze ingegneristiche e quelle di design, andando così a simbolizzare l’inizio di una nuova fase per Lexus. Secondo le parole del Chief Engineer Koji Sato: “Design e ingegneria si sono fusi per superare ogni limite che si è presentato. Posso dire che il nostro lavoro è andato ben oltre la semplice conservazione dello spirito del concept iniziale.”

Il grande successo derivante da questa stretta collaborazione tra i due team è confermato dalle affinità stilistiche con il concept LF-LC. Proporzioni, dinamismo e diversi elementi di design sono comuni. Il fascino della LC 500 viene poi espresso attraverso le sue forme aerodinamiche, le curve sensuali e da un tetto opzionale in fibra di carbonio che può sostituire quello in cristallo, di serie, ed in grado di aggiungere una ulteriore sensazione di marcata personalità alla vettura. Il frontale è caratterizzato da un’audace reinterpretazione della griglia a clessidra, affiancata sui tre lati da inserti cromati e da un design tridimensionale che ne aumenta l’impatto visivo. Le luci di marcia diurna a “L” spiccano sotto i gruppi ottici a triplo LED, estremamente sottili e adottati per poter abbassare la linea del cofano e per incastrarsi alla perfezione nello sbalzo anteriore dalle proporzioni ridotte. Il profilo sportivo della vettura è caratterizzato da una linea del tetto snella e leggermente inclinata, da una silhouette affilata con sbalzi ridotti e da un’altezza contenuta del cofano. Le curve e le forme sinuose si sviluppano lungo la scocca, fino al posteriore, dove i gruppi ottici aggiungono ulteriore carattere e personalità alla vettura. Il design interno della nuova LC 500 riprende la cifra stilistica, il dinamismo e la cura degli esterni, dando origine a un abitacolo sportivo ed elegante allo stesso tempo.

La posizione di guida è stata calibrata per invogliare alla guida sportiva, trasmettendo allo stesso tempo una forte sensazione di sicurezza grazie ai controlli intuitivi. La LC 500 è il primo modello Lexus a beneficiare di un nuovissimo pianale con trazione posteriore basato su un’innovativa architettura dedicata espressamente ai modelli Luxury (GA-L). Il telaio della nuova coupé diventerà quindi la base su cui sviluppare i nuovi modelli del brand, tanto quelli a trazione posteriore che quelli con trazione anteriore. Per ottenere le performance stabilite durante le fasi di sviluppo, Lexus ha realizzato la scocca più rigida disempre.

La potenza della nuova LC 500 è garantita dallo stesso motore 5.0 V8 già visto sulla gamma RC F e GS F. Questa unità aspirata è stata scelta per la grande risposta e per il suo sound sportivo. Con 32 valvole e una struttura interamente in alluminio, il motore è in grado di sprigionare 473 CV di potenza a una coppia di 527 Nm. Il trasferimento della potenza alle ruote posteriori è gestito da un nuovo cambio automatico a 10 rapporti (una premiére per una vettura Luxury) la cui velocità di cambiata è paragonabile a quella di un cambio a doppia frizione.

LEX LC5 CY16 0014 low

Gli affinamenti ingegneristici apportati alla piattaforma e alla trasmissione assicurano alla nuova LC 500 una performance e un’agilità mai viste prima su una coupé quattro posti, e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 4,5 secondi. Tale unità motrice verrà presto affiancata da una unità ibrida che completerà la gamma Lexus in Italia e che verrà svelata durante la premier europea prevista nel mese di febbraio.

La nuova LC 500 vedrà l’esordio del nuovissimo pacchetto Lexus Multimedia 2017, dotato di una nuova interfaccia grafica e di un innovativo software studiato per poter essere continuamente aggiornato. I passeggeri potranno inoltre vivere un’esperienza sonora senza pari: oltre al nuovo sistema Pioneer disponibile di serie, gli appassionati di musica più esigenti potranno scegliere l’optional del sistema Mark Levinson.

La LC 500 sarà equipaggiata inoltre con lo straordinario Lexus Safety System+, un pacchetto completo di tecnologie per la sicurezza che include: il sistema Pre-Crash, studiato per prevenire e ridurre le possibilità di collisione; il Lane Keep Assist (LKA), che aiuta a mantenere la vettura all’interno della corsia; l’Adaptive High Beam (AHB), per assicurare la massima visibilità durante la guida nelle ore notturne; e l’All-speed Dynamic Radar Cruise Control (All-speed DRCC).

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Ford NAIAS 2016 | Non solo car company

Sergio Marchionne al NAIAS 2016: lontani dai gufi, obiettivo 2018