in

Nico Rosberg e lo show sul podio di Monza

Tempo di lettura: < 1 minuto

Con la vittoria di Monza Nico Rosberg ha conquistato non soltanto il gradino più alto del podio, ma ha cercato anche di entrare nel cuore di tantissimi tifosi italiani.

Il Gran Premio d’Italia è stato, infatti, l’occasione per dimostrare il forte legame che unisce il pilota tedesco al nostro Paese. L’italianità di Nico è stata protagonista dell’intero week-end di Monza, a partire dalla F1 Laureus Charity Night durante la quale Rosberg ha rivolto il proprio pensiero alle vittime del terremoto, facendosi ambasciatore del team che ha donato le tute da gara dei due piloti da destinare ad un’asta benefica il cui ricavato verrà devoluto all’emergenza sisma.

Talento, determinazione e una monoposto, la F1 W07 Hybrid, che va sempre a segno sono stati determinanti per il successo di Nico Rosberg al Gran Premio di Monza che in occasione della gara italiana ha trovato un alleato in più: il pubblico.

Tanti i tifosi che hanno spinto sull’acceleratore insieme al pilota tedesco anche sui social attraverso l’hashtag #GoNico che in occasione del week-end di Monza ha raggiunto un potenziale di 6.000.000 di utenti.

Questi risultati sono stati raggiunti grazie anche al successo delle due emoji sviluppate ad hoc da Twitter per Mercedes-Benz Italia.

Parte di quei tifosi erano lì, a festeggiare la prima vittoria in carriera di Nico sul circuito di Monza. Una folla in festa che, in perfetto italiano, Nico ha trasformato in un coro, intonando dal gradino più alto del podio le note Seven Nation Army, quella stessa canzone che sostenne la nazionale di calcio nella vittoria ai mondiali del 2006. Perché come ha sottolineato Nico, i tifosi italiani “sono davvero unici, i migliori del mondo”.

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Nel 2017 la BMW Art Car disegnata da un’artista cinese

Foto di Gabriele Bolognesi

Peugeot 208 GTi e 308 GTi by Peugeot Sport: un video da non perdere