in

Ottimo esordio per l’Abarth 124 rally all’85° Rallye di Monte-Carlo

Tempo di lettura: 2 minuti

Asfalto, neve, ghiaccio: nulla ha fermato l’esordio per la nuova Abarth 124 rally all’85° Rallye di Montecarlo che ha ben figurato sulle strade del Principato.

Guidata da tre equipaggi privati – i francesi Francois Delecour e Dominique Savignoni (Team Milano Racing), la giovane promessa del ACI Team Italia Fabio Andolfi con Manuel Fenoli, e Gabriele Noberasco con Daniele Michi (team Bernini) – la nuova vettura da rally del Marchio dello Scorpione ha continuato il suo sviluppo sulle stradine del “Montecarlo” rese più difficili dalle condizioni del fondo stradale.

La prova d’apertura del Mondiale Rally 2017 si è disputata come dicevamo in condizioni decisamente difficili, con la maggior parte del tracciato ricoperto di ghiaccio e neve. Una situazione che ha imposto a tutti gli equipaggi di utilizzare pneumatici invernali chiodati in quasi tutte le prove speciali. Condizioni che, sulla carta, davano sfavorite le trazioni posteriori, ma che invece hanno permesso all’Abarth 124 rally di esprimere il suo potenziale, occupando fin dalle prime fasi di gara le prime 20 posizioni della graduatoria assoluta in una corsa che ha visto 76 iscritti, dei quali 37 alla guida di trazioni integrali.

Abarth Noberasco

Nella prima giornata le Abarth 124 rally hanno concluso nei primi tre posti della classifica riservata alle R.Gt, con Delecour davanti ad Andolfi e Noberasco. Nella seconda giornata Andolfi si è scatenato, fino a raggiungere la 18° posizione assoluta e concludendo la tappa al 27° posto assoluto, nonostante un serio incidente occorsogli nell’ottava prova speciale, che ha permesso di testare la robustezza strutturale della vettura, ma che sfortunatamente ha costretto il pilota e il suo navigatore al ritiro. Delecour era, invece, 19° nettamente al comando della R-Gt e davanti a numerose vetture R5 quando, nella terza giornata di gara, è stato costretto al ritiro per la rottura di un tappo dell’olio del differenziale.

Gabriele Noberasco è stato l’unico a proseguire la corsa senza inconvenienti, superando molte difficoltà, come l’ultimo passaggio sul Col de Turini sotto la neve in scarsissime condizioni di aderenza, portando a termine la gara con il secondo posto nella categoria R-GT al termine di un percorso lungo 1411 km, 382 dei quali di velocità cronometrata.

Questo test in gara – seguito da vicino dallo staff Abarth che ha supportato i team Milano Racing e Bernini Rally – è servito a proseguire il lavoro di sviluppo a favore dei piloti e dei team che disputeranno il Trofeo Abarth 124, inserito nell’abito del Campionato Italiano Rally.

Dì la tua

La nuova Super Series McLaren punta tutto sull’aerodinamica

TomTom accresce il suo know-how sulla guida autonoma