mercoledì, 12 dicembre 2018 - 3:32
Home / Notizie / Curiosità / Panda Raid 2018: l’inarrestabile Fiat Panda conquista il deserto
Panda Raid
Il carrozzone del Fiat Panda Raid nel deserto marocchino

Panda Raid 2018: l’inarrestabile Fiat Panda conquista il deserto

Tempo di lettura: 2 minuti.

Si è concluso sabato 10 marzo il Panda Raid 2018, la gara di regolarità giunta alla decima edizione e che anche quest’anno ha coinvolto numerose Fiat Panda, sia a trazione anteriore sia integrale, lungo 3.000 chilometri di percorsi tra la Spagna e il deserto del Marocco.

Il carrozzone è infatti partito da Madrid lo scorso 3 marzo per giungere a destinazione, a Marrakech, sabato 10 marzo. Sono state 400 le Panda storiche a prendere parte alla gara, vetture che sono giunte da tutti gli angoli del globo: grande la rappresentanza italiana ma non sono mancati concorrenti venuti appositamente dall’Argentina e perfino dalla Cambogia!

Un viaggio capace ancora di scaldare il cuore di tanti affezionati al modello che, dal 1980, è stato venduto in più di 7,5 milioni di unità, numeri da capogiro per una citycar. Al fianco delle Panda storiche c’era anche l’erede della mitica Panda 4×4 del 1983, la Panda Cross 4×4, l’unica nel suo segmento a proporre la trazione integrale e il differenziale autobloccante meccanico.

La Panda Cross 4×4 è l’unica, inoltre, a offrire tutta la maneggevolezza della tipica 4×4 in meno di 4 metri di lunghezza (3,7 per la precisione). Una vettura compatta e trasversale capace di superare ogni ostacolo. Una sorta di passaggio di testimone tra passato e presente per celebrare quella che da più di una decade è la preferita in Europa tra le citycar al pari di un’altra icona targata Fiat, la 500. Da sole vanno a costituire il 30% della quota di mercato nel vecchio continente.

Panda Raid
Il carrozzone del Fiat Panda Raid nel deserto marocchino

Va infine ricordato che il successo del Panda Raid 2018 si va ad aggiungere ai numerosi primati della vettura torinese. Risale al 2004 il titolo di “Car of the Year”, la prima a fregiarsene tra le citycar, così come due anni più tardi ha portato la sua anima green con la versione a metano, la prima del segmento prodotta su larga scala.

Inoltre, oggi è l’unica del segmento a proporre quattro motorizzazioni (benzina, gasolio, benzina/metano e benzina/GPL), tre caratterizzazioni estetiche (Urban look, City Cross e 4×4) due trazioni (anteriore e integrale) e due cambi (manuale e robotizzato Dualogic). Un mito intramontabile.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

mobilità sostenibile

Open Source Lab: la rotta sulla mobilità sostenibile per Volkswagen

Open Source Lab darà una nuova direzione e un orientamento di base per i prossimi …