in

ParkinGo: parcheggi, mappa, recensioni, app

Tempo di lettura: 7 minuti

Trovare un parcheggio nei luoghi di partenza come aeroporti, stazioni e porti è sempre un problema. Per questo sono nate delle realtà che offrono i cosiddetti parcheggi satellite, delle aree adibite al rimessaggio della propria auto prima di una partenza via aereo, nave o treno. Queste società aiutano a prenotare un parcheggio pre-partenza, per essere sicuri di avere dove lasciare l’auto. Uno dei player principali di questo settore è ParkinGo (o Parking Go come spesso viene chiamato erroneamente). Nata nel 1995 a Malpensa per gestire le aree di sosta intorno all’aeroporto milanese, nella sua storia quasi ventennale ParkinGo ha ora oltre 90 aree di parcheggio in tutta Europa, ma il suo cuore ancora in Italia.

Dopo la sua nascita, ParkinGo/Parking Go è diventata ben presto il primo network di parcheggi dedicato a chi vuole raggiungere l’aeroporto con la sua auto. Nel corso degli anni, però, il Gruppo ParkinGo è cresciuto sempre più, diventando oggi attivo non solo in ambito aeroportuale, ma anche portuale e ferroviario. Oggi ParkinGo è presente in diversi Paesi (Italia, Spagna, Francia, Germania, Portogallo e Austria), nei parcheggi portuali e, tramite il suo brand Fast Parking, offre prezzi ancora più competitivi e servizi più snelli. Oggi però conosciamo meglio ParkinGo, scoprendo parcheggi, mappa, recensioni e app di ParkinGo/Parking Go.

Parcheggi ParkinGo: le modalità di parcheggio in aeroporti, stazioni e porti

Partiamo subito dalla domanda più importante, ovvero come funzionano i parcheggi ParkinGo (Parking Go, ricordiamo, non è il nome corretto della società italiana). I parcheggi ferroviari ParkinGo sono vicini alle stazioni, mentre per porti e soprattutto aeroporti si tratta di parcheggi satellite. Non sono quindi parcheggi posizionati all’interno dei terminal o del complesso dell’aeroporto, ma bensì posizionati a qualche km di distanza. Questo permette di risparmiare qualcosa sulle tariffe, ma anche di evitare decine di minuti di camminata all’interno dei terminal.

Tutti i parcheggi ParkinGo infatti comprendono la presenza di una navetta inclusa nel prezzo, che accompagna nel tragitto parcheggio-aeroporto e ritorno i viaggiatori, accompagnando ciascun passeggero proprio all’ingresso del terminal prescelto. Per utilizzare uno dei parcheggi ParkinGo ci si può tranquillamente presentare al parcheggio e scegliere la tariffa più adatta alle proprie esigenze. Per una maggiore tranquillità, e per un risparmio economico, però, i parcheggi ParkinGo sono prenotabili online, permettendo sia di avere la certezza di poter lasciare l’auto prima di una partenza che avere un piccolo vantaggio economico.

Va specificato che è obbligatorio prenotare i parcheggi ParkinGo durante l’alta stagione estiva (i mesi di luglio e agosto e nel periodo tra il 20 dicembre e il 6 gennaio) e nel parcheggio di Milano Linate. In questo caso, è sufficiente infatti andare sul sito ufficiale di ParkinGo, e scegliere tra gli oltre 90 parcheggi ParkinGo una delle tre macro-aree nelle quali l’azienda opera: aeroporto, porto o stazione ferroviaria. Una volta selezionato uno dei tre macro-luoghi, poi, è necessario inserire il periodo di tempo nel quale si vuole lasciare l’auto in uno dei parcheggi ParkinGo, specificando data e ora sia dell’arrivo che della ripartenza.

Una volta specificato il tempo di parcheggio, poi, il sistema andrà a calcolare la tariffa in ognuno dei parcheggi ParkinGo (non Parking Go, lo ricordiamo) disponibili per quella località. ParkinGo offre sia un rimessaggio coperto, per evitare danni da eventuali eventi atmosferici, ma anche un parcheggio scoperto, più economico ma ugualmente sicuro. In entrambe le occasioni, è possibile ottenere un “taglio” sulla tariffa prenotando online e pagando poi in struttura. Per risparmiare ancora qualche euro è anche possibile pagare online al momento della prenotazione, perfetto per chi ha la sicurezza di dover partire e non è ancora in bilico sul proprio viaggio.

Una volta effettuata la prenotazione, poi, basta recarsi in quello prescelto tra i parcheggi ParkinGo e mostrare la prenotazione stampata a casa per accedere al vostro posto dedicato. Ricordiamo, inoltre, che non in tutti i parcheggi ParkinGo è possibile tenere le chiavi con sé durante il viaggio. A Malpensa e Linate, ad esempio, non è possibile tenersi le chiavi dell’auto, mentre è possibile portarle con sé con un sovrapprezzo nel parcheggio di Torino Caselle.

ParkinGo offre anche dei servizi davvero interessanti per l’auto quando è ferma nel parcheggio, come un lavaggio completo per vetture compatte (20 euro) o SUV (25 euro). Con un sovrapprezzo, poi, i parcheggi Parking Go offrono anche servizi di cambio gomme, tagliando e persino la revisione. Per chi ha un’auto elettrica o ibrida plug-in, poi, alcuni parcheggi ParkinGo offrono anche la possibilità della ricarica della propria auto. Il prezzo, però, non è dei più contenuti: il servizio costa 5 euro, e la tariffa a consumo è di 0,80 euro al kWh.

Mappa ParkinGo: 34 località in Italia, oltre 90 parcheggi in tutta Europa

Passiamo ora alla mappa ParkinGo (non Parking Go, ricordiamo), per scoprire dove si trovano gli oltre 90 parcheggi in tutta Europa. Essendo ParkinGo un’azienda italiana, la maggior parte dei parcheggi in porti, aeroporti e stazioni si trovano proprio nel nostro Paese. La mappa ParkinGo dei parcheggi italiani conta la copertura (spesso con diverse strutture) di 19 aeroporti, 11 porti e 4 stazioni ferroviarie. Ecco, nello specifico, la mappa completa Parking Go dei parcheggi sul territorio italiano:

Aeroporti

  • Milano Malpensa Terminal 1 e 2
  • Bergamo-Orio al Serio
  • Milano Linate
  • Roma Fiumicino
  • Roma Ciampino
  • Venezia
  • Torino Caselle
  • Bologna
  • Napoli
  • Cagliari
  • Olbia
  • Brindisi
  • Bari
  • Genova
  • Catania
  • Treviso
  • Firenze

Porti

  • Venezia
  • Cagliari
  • Olbia
  • Brindisi
  • Terracina
  • Civitavecchia
  • Formia
  • Napoli
  • Genova
  • Poltu Quatu
  • Salerno

Stazioni

  • Genova
  • Bologna
  • Milano
  • Salerno

La mappa di ParkinGo conta però anche della presenza in altri Stati europei: Spagna, Francia, Germania, Austria e Portogallo. In Spagna, e precisamente a Valencia, si trova l’unico parcheggio portuale fuori dall’Italia. Per il resto, tutti gli altri parcheggi sono situati nelle prossimità degli aeroporti. Ecco la mappa ParkinGo dei parcheggi aeroportuali europei fuori dal nostro Paese:

Germania

  • Francoforte sul Meno
  • Lipsia
  • Brema
  • Colonia
  • Dusseldorf
  • Amburgo

Francia

  • Parigi Charles de Gaulle
  • Marsiglia
  • Tolosa

Spagna

  • Valencia
  • Siviglia
  • Barcellona
  • Alicante

Austria

  • Salisburgo

Portogallo

  • Lisbona

Non in tutti questi Paesi, però, troviamo strutture brandizzate ParkinGo. Spesso, infatti, la società italiana si è accordata con dei player locali, per offrire un servizio migliore e affidarsi a persone che conoscano bene la realtà in cui operano. A Colonia, ad esempio, ParkinGo opera con due parcheggi del luogo, la EasyParken Koln e la Trema Parken. A Barcellona, invece, la mappa Parking Go punta su Parking Low.

Recensioni ParkinGo: i pregi e i difetti del servizio secondo gli utenti

Passiamo a vedere le recensioni di ParkinGo, per conoscere i pregi e i difetti di questo servizio. Ci siamo concentrati sulle recensioni all’azienda principale ParkinGo, e solo sulle recensioni in lingua italiana. Se facciamo un giro sui siti specializzati, troviamo dei punteggi non sempre lusinghieri. Dobbiamo però ricordare che, di solito, chi recensisce queste aziende è sempre chi ha qualcosa da recriminare: difficilmente si decide di recensire un parcheggio se tutto è andato bene.

Dopo aver fatto la tara di questa soluzione, però, analizziamo nel dettaglio le recensioni di ParkinGo, o Parking Go come è stato spesso indicizzato da chi ha fatto queste recensioni. Spulciando tra le recensioni si scopre come le criticità del servizio ParkinGo sono spesso da attribuire ai singoli parcheggi, e non all’azienda in sé. Per questo, vi consigliamo di cercare le recensioni della sede ParkinGo dove effettivamente vorrete lasciare la vostra auto, e non in quelle generali. Questo dettaglio, la comodità dell’acquisto del parcheggio, la velocità del servizio e la precisione delle navette sono spesso indicate tra i pregi nelle recensioni di ParkinGo.

Al contrario, invece, in alcune strutture diversi clienti hanno notato poca cortesia e ritardi nelle navette. Il vero limite di questa tipologia di servizi (non solo di ParkinGo) è, come di consueto, quello del rimessaggio scorretto della vettura. Spesso, infatti, per fretta o per negligenza di qualche dipendente si può verificare qualche inconveniente, da righe e bolli sulla carrozzeria a il rimessaggio in un parcheggio scoperto dopo aver pagato specificatamente un parcheggio coperto.

Per questo, vi consigliamo di fare sempre delle foto alla vettura a casa prima di portarla nel parcheggio, sia all’interno che all’esterno, nonché all’auto parcheggiata nel suo posto prenotato (se presente). In più, nelle recensioni di ParkinGo (o Parking Go come tanti clienti hanno erroneamente indicato) spesso si è notato come, se si fa notare subito il danno alla carrozzeria in loco, la società è più che disponibile a pagare il costo delle riparazioni. Se invece la contestazione viene fatta una volta arrivati a casa, con la luce del sole o all’asciutto in caso di pioggia, ParkinGo per policy aziendale non risponde più dei danni.

Si tratta di un comportamento legittimo, in quanto una volta usciti dal parcheggio si potrebbe essere coinvolti in un sinistro fuori dalla responsabilità del parcheggio. Per questo, vi consigliamo di controllare l’auto prima di lasciare il parcheggio, e fare presente tempestivamente gli eventuali danni. Perdere una decina di minuti prima di partire potrebbe fare la differenza. Sebbene non sia stata rilevata dai clienti nelle recensioni di ParkinGo, non possiamo non citare una delle pratiche più comuni e poco trasparenti usate da questi parcheggi.

Nei parking dove bisogna lasciare le chiavi alla struttura, infine, è successo in diversi parcheggi di aziende diverse che i dipendenti utilizzassero illegittimamente la vostra auto, percorrendo anche diverse centinaia di km a vostra insaputa. Per salvaguardarvi da questa pratica, oltre a fare affidamento alle sempre più comuni dashcam, fate una foto al contachilometri totale. Se infatti quello parziale può essere resettato, il contachilometri totale non mente. Così, se la vostra auto dovesse essere “vittima” di questa pratica ben poco lecita, sarete sicuri di non avere problemi.

App ParkinGo: cos’è e come funziona l’applicazione mobile

Concludiamo infine conoscendo più nel dettaglio l’app ParkinGo, disponibile sia per iOS che per Android. L’app ParkinGo (scrivendo Parking Go sull’App Store e sul Google Play Store si trova ugualmente) permette di velocizzare e rendere ancora più facile la prenotazione di un parcheggio nelle strutture ParkinGo europee. Ci sono poi alcune chicche che rendono il suo utilizzo ancora più interessante e utile.

L’interfaccia dell’app ParkinGo è estremamente semplice e intuitiva, e permette sia di prenotare per sé che per un amico. Si può infatti prenotare un parcheggio per auto, moto, furgone e camper come sul sito. Creando un account (indispensabile per accedere all’app Parking GO), poi, è possibile gestire le proprie prossime prenotazioni direttamente dalla schermata d’accesso dell’app. Nella parte bassa dell’app, poi, troviamo una sezione “Dove siamo”, che permette di vedere in una unica lista tutti i parcheggi ParkinGo. Estremamente utile, poi, il tasto “Chiama Navetta”, che permette di contattare in pochi secondi la navetta di ogni singolo centro ParkinGo.

Convince parecchio la scheda che l’app ParkinGo propone per ogni parcheggio. Troviamo infatti per ogni struttura l’indirizzo preciso, i numeri di telefono da chiamare e la distanza, in km e in tempo, dall’aeroporto. Comodissimi poi i due tasti “Naviga“, per impostare la navigazione quando si parte da casa, e “Prenota“, per prenotare in maniera veloce selezionando il parcheggio desiderato sapendo già tutte le informazioni principali.

La navigazione si interfaccia immediatamente con il navigatore del proprio telefono, rendendo così l’app ParkinGo utile e molto pratica per chiunque voglia utilizzare il servizio. Si possono infine guadagnare anche dei punti dopo ogni utilizzo del servizio, spendibili per usufruire gratuitamente dei servizi proposti da ParkinGo, come l’avvolgimento dei bagagli o il lavaggio completo dell’auto. Si possono infine inserire dei buoni, per avere un credito personale all’interno dell’app ParkinGo da usare per il noleggio o i servizi.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    metano

    Metano: distributore, mappa, prezzo

    Nevera Record

    Rimac Nevera stabilisce il record di supercar elettrica più veloce al mondo