lunedì, 12 novembre 2018 - 23:42
Home / Notizie / Curiosità / Peugeot 106 Rallye: un ritorno che fa battere il cuore

Peugeot 106 Rallye: un ritorno che fa battere il cuore

Tempo di lettura: 3 minuti.

Un’auto che nel settembre del 1991, durante la sua presentazione al Salone di Parigi, fece battere i cuori di tantissimi appassionati, oggi torna, nel parco auto di Peugeot Italia che continua la sua opera di valorizzazione dell’heritage del Marchio.

Ecco che dopo un attento e lungo lavoro di ripristino, questa volta è una 106 Rallye 1.3 a tornare in grande spolvero, pronta per far rivivere le gioie del passato a chi si metterà dietro al suo classico volante sportivo.

La Rallye è la più nota delle versioni sportive della 106 che nella storia del Leone può essere considerato come il trait d’union tra due autentici mattatrici della mercato mondiale come la 205 (in listino dal 1983 ed il 1998) e la 206 (dal 1998 al 2002). Lanciata nel 1991, la Peugeot 106 è andata gloriosamente in pensione nel 2003, dopo essere stata venduta in 2.800mila unità, di cui oltre 400mila in Italia.

Più piccola (non di molto per la verità) della 205 ma con la stessa carica di simpatia. Grazie alle sue caratteristiche di economia di esercizio, prezzo concorrenziale, disegno moderno, affidabilità meccanica e maneggevolezza nella guida, dovuta anche al peso ridotto, la 106 divenne presto un gran successo di massa, grazie anche all’ampliamento della gamma motori.

Era stata concepita per essere modello d’accesso al mondo Peugeot, ma ben presto si trovò ad essere il desiderio delle giovani generazioni di automobilisti. Merito delle versioni sportive XSi (introdotta nel 1991) e soprattutto Rallye, la cui produzione iniziò il 1° novembre del ’93.

Allestimento e caratteristiche tecniche

106Rallye interni

L’allestimento della 106 Rallye era caratterizzato da: assenza di alzacristalli e specchietti elettrici, mancanza di faretti supplementari, aerazione interna limitata senza le bocchette centrali, archi passaruota supplementari di andamento squadrato, cerchi in lamiera scampanati (ET 16) da 14 x 5,5” verniciati di bianco, moquette e cinture di sicurezza di colore rosso. La carrozzeria era disponibile solo nei colori rosso, nero e bianco.

Motore: anteriore trasversale inclinato di 6° in avanti, 4 cilindri in linea (TU2J2) camicie umide, 1.294cc, (75 x 73,2 mm) 98 CV a 7.200 giri/min, (limitatore a 7.400 giri/min), coppia 10,8 kgm a 5.400 giri/min, rapporto di compressione 10,2:1, due valvole per cilindro (39 mm l’aspirazione, 31,5 mm lo scarico con alzata di 11mm), pressione media effettiva del pistone10,1 bar, velocità media pistone 17,6 metri sec., testata in alluminio, asse a cammes in testa, iniezione multipoint Magnetti Marelli 08P21, lubrificazione con radiatore olio/acqua a 8 fogli.

Telaio: trazione anteriore, cambio a 5 marce + retromarcia, cerchi in lamiera 5,5 x 14, pneumatici 175/60 TR 14, sospensioni anteriori indipendenti Mc Pherson, braccio trasversale e montante telescopico, molla elicoidale e barra antirollio da 19 mm, sospensioni posteriori con braccio longitudinale, barra di torsione da 22 mm trasversale, barra antirollio da 19 mm, sterzo a pignone e cremagliera, freni anteriori a disco autoventilanti da 247 mm, posteriori a tamburo da 180 mm e servofreno da 8”. Passo 2.385 mm, carreggiata anteriore 1.342 mm, carreggiata posteriore 1.484 mm, lunghezza 3.564 mm, larghezza 1.607 mm, altezza 1.360mm. Peso in ordine di marcia 810 kg, 925 kg a pieno carico.

Prestazioni: velocità massima 190 km/h, Accelerazione 0-100 km/h in 9,3 sec. 0-400 m in 16,7 sec, 0-1000 m in 30,8 sec. Consumo 7,8 litri/100 km. Cx 0,34. Rapporto peso/potenza 8,1 kg/CV.

La 106 nelle corse

106Rallye

Nel più puro spirito Peugeot, se la “Rallye” è stata l’animo sportivo stradale della 106, quello più puramente agonistico è stato interpretato in varie declinazioni: slalom, velocità in circuito, velocità in salita, rallycross e rally hanno visto la 106 come protagonista assoluta sia in termini di risultati sia in termini numerici. 50.000 ed oltre le volte che una Peugeot 106 ha preso il via nei rally italiani nell’arco di 22 stagioni di attività nella specialità, un numero che quasi raddoppia considerando anche le altre specialità agonistiche che l’hanno coinvolta e che la rendono l’auto più utilizzata nei rally italiani.

In particolare nei rally, le 106 “in tuta e casco” divennero le protagonista della classe N (pressoché di serie con piccole modifiche) e del Gruppo A, dalle modifiche e dalle prestazioni più estreme: ad esempio, venne alleggerita di 60 chili rispetto alla versione stradale e la cilindrata fu innalzata da 1294 a 1382 cc, per una potenza massima di 138 CV.

Le 106 da corsa non si fecero onore solo nei rally, ma anche in autodromo. In molte occasioni, le piccole Peugeot occuparono quasi tutta, se non tutta, la griglia delle gare riservate alla cosiddetta classe N7/N8 nel competitivo Campionato italiano velocità turismo (Civt).

Con la questa vettura gareggiò in pista il futuro scrittore Giorgio Faletti, a quel tempo popolare attore comico; con una 106 1.4 Gr.A da 135 CV si cimentò anche un giovane Paolo Andreucci, oggi pilota ufficiale di Peugeot Italia.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

F-Type

La F-Type che amava lo sterrato: amarcord per i 70 anni di Jaguar

Proseguono in grande stile le celebrazione dei 70 anni delle supercar Jaguar, tanto da aver …