in

Peugeot 208 R2 e T16 | La prova speciale dei Leoni da rally

Tempo di lettura: 4 minuti

Misano Adriatico, riviera romagnola e patria dei motori. Questo lo sfondo di una prova che speciale è dir poco. Abbiamo, infatti, avuto modo di salire a bordo delle due creature del Leone che stanno andando fortissimo nel Campionato Italiano Rally 2015 per sentire sulla nostra pelle le emozioni che si provano a guidare auto del genere.

Si tratta delle due Peugeot 208, l’R2 e la T16 (R5), la prima dotata di un 1.6 aspirato da 185 CV interamente scaricati sulla trazione anteriore, mentre la seconda dotata di un 1.6 Turbo da 280 CV  a trazione integrale. Ecco il racconto della nostra esperienza

A bordo della R2 e della T16

Certe emozioni lasciano il segno, anche per chi è abituato a cambiare auto quotidianamente e a provare ogni tipologia di vettura, perché al di fuori di ogni categoria si trovano le auto da rally, auto speciali che hanno sedotto gli appassionati, dalle gruppo B degli anni ’80 a oggi.

Ma passiamo alla guida. Per prendere confidenza con la terra, saliamo a bordo della 208 R2, più vicina ad un’auto “normale”, ma pur sempre cattivissima. Il caldo torrido di Misano non ci aiuta nella preparazione, con tuta e casco che aumentano ulteriormente le temperature. Calarsi nell’abitacolo di entrambe le 208 è una missione piuttosto ardua, gli ostacoli della roll-cage e del volante, contro il quale batti costantemente la gamba o il fianco, rendono tutto più difficile, ma allo stesso tempo, tremendamente affascinante. Mentre il caldo aumenta ogni minuto di più, prendiamo confidenza con i comandi e con la posizione di guida, perfettamente incassata, con le cinture a quattro punti che stringono forte.

Peugeot Rally 18

È ora di mettere in moto. Un suono rauco ma assordante sveglia il millesei, che spettacolo, bisogna però rimanere concentrati, adesso si guida. I primi metri alla guida della 208 R2 sono interlocutori, cerco di capire le reazioni sullo sterzo e sull’acceleratore e, passato il primo giro del Flat Track di Misano, sblocchiamo la configurazione da trasferimento e passiamo alla modalità “stage” – quasi l’equivalente di un tasto sport sulle auto stradali – che permette di avere reazioni più immediate e la totale disponibilità dei 185 cavalli.

Ci siamo, Ora inizia il divertimento! La scarsa aderenza all’anteriore sulla terra ci permette di utilizzare in modo allegro il freno a mano, in modo da impostare le curve nel migliore dei modi. In rettilineo però la potenza è devastante e l’urlo proveniente dagli scarichi pervade interamente l’abitacolo, spazzando via ogni altro pensiero dalla mia testa. I quattro giri di guida sulla R2 passano in fretta ed è ora di rientrare ai box: peccato, la confidenza cresceva di giro in giro.

Ora però si “scende” a bordo del mostro, la T16 che Andreucci doma durante ogni tappa del CIR e con la quale si è appena aggiudicato il Rally di San Marino. I cavalli aumentano, ma aumenta anche la trazione grazie alle quattro ruote motrici.

Peugeot Rally 26

L’impostazione dell’abitacolo è molto simile, il caldo che toglie il fiato è lo stesso ed è quindi il momento di partire. Anche in questo caso nel primo giro diamo del “lei” alla T16, mentre in quelli successivi attiviamo il Bang, il dispositivo che cerca di tenere alta la pressione del turbo . La 208 T16 diventa molto più nervosa, l’acceleratore è sensibilissimo e in cambiata lo scarico spara delle vere e proprie fucilate. L’inserimento in curva in questo caso diventa una questione di pendolo e di acceleratore per correggere la traiettoria. Il risultato? Delle “spazzolate” spettacolari degne delle gare di drift. Sui brevi rettilinei, poi, le cambiate fulminee e le marce corte regalano attimi di adrenalina pura.

La sincerità di queste due vetture è ciò che impressiona di più: le 208 regalano feedback a volontà e ampi margini di correzione, anche su fondi a scarsa aderenza. Certo, andare forte è tutta un’altra storia, ma per divertirsi con i Leoni di Peugeot basta davvero poco.

Per andare veloce è bastato, invece, sedersi al fianco di Michele Tassone, fresco vincitore della categoria Junior del CIR, e di Paolo Andreucci, fenomeno vero con la T16. La velocità di esecuzione e la semplicità  con la quale hanno portato al limite le 208 ha un qualcosa di impressionante. Extraterrestri.

Dopo un test così rimane solo un grande sorriso e, dopo aver toccato con mano le 208, una profonda ammirazione per i piloti di rally che, a mio parere, affrontano ogni giorno la disciplina automobilistica più difficile al mondo.

Peugeot Rally 01

Scheda tecnica Peugeot 208 R2

Motore

Tipo: EP6C (pistoni, bielle, alberi a camme specifici).

Cilindrata: 1.598 cm3.

Alesaggio/corsa: 77 mm x 85.8 mm.

Potenza massima: 185 CV / 7800 g/min.

Potenza al litro:                116 CV/litro.

Serbatoio: 60 litri.

Alimentazione: iniezione indiretta (Magneti Marelli),  monovalvola motorizzata.

Distribuzione: 2 alberi a camme in testa mossi da catena, con variazione continua delle valvole d’aspirazione e di scarico.

 

Cambio

Cambio: sequenziale a 5 rapporti con comando meccanico, 3 rapporti finali omologati.

Differenziale: autobloccante.                   

Frizione: a comando idraulico, monodisco cerametallico (Ø184 mm).

Trazione: anteriore.

 

Freni / Sterzo

Freni anteriori: pinze flottanti, dischi ventilati – asfalto Ø310 x 30 mm – terra Ø285 x 26 mm pinza a 4 pistoncini a fissaggio radiale.

Freni posteriori: dischi pieni Ø290×8 mm pinza a 2 pistoncini a fissaggio radiale.

Freno a mano: comando idraulico.

Servosterzo: idraulico.

 

Sospensioni

Avantreno: pseudo McPherson, triangoli specifici con giunto uniball; barra antirollio anteriore specifica intercambiabile su cuscinetti lisci (3 tarature a scelta) puntoni specifici in alluminio forgiato (regolazione campanatura dal lato del  perno).

Retrotreno: asse ad H rinforzato e modificato per barra antirollio intercambiabile (3 tarature a scelta).

Ammortizzatori ant/post: specifici Öhlins a 3 vie + supporto idraulico regolabile.

 

Telaio

Struttura: scocca rinforzata con centina multipoint saldata (norma FIA); slitta specifica in acciaio.

Peso: minimo (norma FIA): 1.030 kg a vuoto, 1.190 kg  con equipaggio.

Ripartizione ant/post: 64% / 36%.

 

Dimensioni

Lunghezza / larghezza: 3.962 mm / 1.739 mm.

Passo: 2.538 mm. 

Carreggiata ant/post: 1.475 mm / 1.470 mm.

 

Ruote

Cerchi: asfalto: 6,5x 16; terra – cerchi: 6×15.

 

Peugeot Rally 04

Scheda tecnica Peugeot 208 T16

 Motore

Tipo: EP6 CDT

Posizione: trasversale anteriore

Cilindrata: 1598 cc

Numero di cilindri: 4

Potenza (CV DIN): 280 CV a 6000 g/min

Coppia (Nm): 400 Nm a 2500 g/min

Regime massimo: 7500 g/min

Iniezione: diretta ad alta pressione Magneti Marelli

Aspirazione: monovalvola

Numero di valvole: 16

Trasmissione

Trazione: 4 ruote motrici

Frizione: bidisco

Cambio: 5 marce a comando sequenziale

Differenziale: 2 differenziali autobloccanti

 

Telaio

Struttura e materiali: scocca + Centina di sicurezza tubolare

Sospensione anteriore: pseudo Mac Pherson

Sospensione posteriore: pseudo Mac Pherson

 

Freni /Sterzo

Freni anteriori: Alcon a 4 pistoni Ø 300 (terra) 355 (asfalto)

Freni posteriori: Alcon a 4 pistoni Ø 300 (terra) 355 (asfalto)

Sterzo: diretto ad assistenza idraulica

Cerchi: in alluminio monoblocco 8”x18” (asfalto) / 7“x15“ (terra)

Ruote: asfalto 225x40x18; terra 215x65x15

 

Dimensioni

Lunghezza: 3.962 mm

Larghezza: 1820 mm

Passo: 2560 mm

Peso minimo: 1230 kg asfalto / 1230 kg terra (imposto dal regolamento R5)

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Luca de Meo insignito del titolo di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Nuova Fiat 500: le personalizzazioni Mopar