sabato, 20 ottobre 2018 - 6:16
Home / Notizie / Curiosità / Peugeot Instinct: la concept car del Leone che guarda alla guida autonoma con interesse
Peugeot Instinct

Peugeot Instinct: la concept car del Leone che guarda alla guida autonoma con interesse

Tempo di lettura: 2 minuti. Con la Peugeot Instinct Concept la Casa del Leone ha presentato al Salone di Ginevra 2017 la sua idea di futuro dell’automobile, all’insegna della libertà. I più attenti avranno invece notato una somiglianza, a livello estetico, con l’ultima ammiraglia, la nuova Peugeot 508, della quale la Instinct è stata appunto musa ispiratrice. 
Jean-Philippe Imparato, Direttore Generale di Peugeot, dichiarò un anno e mezzo fa dallo stand Peugeot: “Progettare una vettura a guida autonoma è una sfida appassionante da cogliere. Si tratta di conciliare gli opposti, una guida attiva e una modalità autonoma, con un obiettivo: essere sempre una fonte di piacere, generare un’emozione. Peugeot Instinct Concept è il primo concetto di vettura a guida autonoma che non mette da parte il piacere dell’auto”.

La Peugeot Instinct Concept esprime in sostanza la guida autonoma che vedremo nel futuro dei modelli Peugeot, seguendo una nuova concezione, ovvero quella di anticipare le decisioni del conducente sapendole “convertire” in sistemi di guida intelligenti.

Peugeot Instinct Concept

Una concept car che anticipa il futuro del Leone

A livello di design la Peugeot Instinct Concept è una shooting brake a trazione ibrida plug-in da 300 CV . Tra le novità portate davanti agli occhi del mondo della concept francese la nuova piattaforma IoT (Internet of Things) sviluppata grazie alla tecnologia Samsung Artik Cloud; una novità assoluta che permette in parole povere di integrare i dati che il suo utilizzatore desidera condividere ricavandoli dallo smartphone, dallo smartwatch, dai social e perfino dalla domotica dell’abitazione.

Peugeot Instict Concept

Quattro le modalità di guida che propone la Peugeot Instinct, sempre con il pieno controllo del conducente che può intervenire in qualsiasi momento sia durante la guida attiva (Drive Boost o Drive Relax) e sia con guida autonoma (Autonomous Sharp o Autonomous Soft). In modalità autonoma viene in aiuto ciò che in Peugeot chiamano l’i-Device, il quale permetterà con un semplice gesto di dare istruzioni alla vettura, come ad esempio un gesto della mano per indicare alla vettura di sorpassare.

Per questa vettura ci siamo ispirati alla natura – ha spiegato Aude Brille, responsabile della strategia Peugeot – e soprattutto all’uomo che conquista autonomia attraverso la conoscenza del suo ambiente. Alla stessa stregua, Instinct Concept si basa sul deep learning un metodo di apprendimento per stabilire il profilo del suo utilizzatore. Per questo, la piattaforma IoT Samsung Artik Cloud collega gli oggetti del suo quotidiano e aggrega i dati. Anche l’automobile è una fonte incomparabile di informazioni, come percorsi abituali, luoghi preferiti e abitudini di guida. Servizi e oggetti connessi sono diventati prolungamenti di noi stessi e Peugeot – ha sottolineato Brille – ha deciso di integrarli nelle sue vetture, in modo sempre più semplice e fluido, per offrire ai suoi clienti un’esperienza serena, intensa e inedita”.


Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

MAUTO

MAUTO: la scuola sul futuro dell’auto si fa al museo

Otto laboratori per avvicinare gli studenti al mondo auto: è il programma didattico del Museo …

something