sabato, 15 dicembre 2018 - 4:20
Home / Archivio / Peugeot: nuove motorizzazioni efficienti Euro 6
Autoappassionati

Peugeot: nuove motorizzazioni efficienti Euro 6

Tempo di lettura: 3 minuti.

La Casa automobilistica francese rinnova le sue motorizzazioni rendendole ancora più “eco-friendly” e conforme alla normativa Euro 6 offrendo al contempo un piacere di guida all’altezza degli standard.

La nuova gamma di motorizzazioni Euro 6 equipaggerà le Peugeot 208, 308, la nuova 508, le crossover 2008 e 3008 e la monovolume 5008. I motori benzina PureTech e 1.6 THP, come i Diesel BlueHDi, rientrano nella lista dei motori che hanno beneficiato di questo aggiornamento.

Merito del sistema Stop & Start e di cambi automatici EAT6 di terza generazione, il Leone ha ridotto le emissioni medie di CO2 della sua gamma europea. Con un valore attuale di 111,2 grammi al chilometro rispetto ai 115,1 grammi al chilometro del 2013, il Gruppo PSA Peugeot Citroen conquista la leadership del CAFE (Clean Air For Europe).

Motori PureTech: nuova versione da 110 CV e cambio EAT6 sulla versione da 130 CV

La famiglia dei motori PureTech 3 cilindri benzina si completa grazie alle versioni Turbo da 110 CV e 130 CV. La versione 1.2 litri da 130 CV, finora equipaggiata con il cambio manuale a 6 marce, è adesso fornita con il nuovo cambio automatico a sei rapporti EAT6 (AT6 III) completa di paddle al volante con l’optional Driver Sport Pack.

L’EAT6 (AM6 III), già associato ai motori 2.0 BlueHDi, è una trasmissione automatica EAT6 (Efficient Automatic Transmission) di nuova generazione che offre un comfort di utilizzo di alto livello: rapidità e fluidità dei passaggi di marce con la tecnologia Quick Shift e gestione morbida dell’inserimento grazie a un convertitore ottimizzato. Il suo rendimento è stato ottimizzato grazie alla riduzione degli attriti interni e all’utilizzo di convertitori bloccabili che evitano gli slittamenti.

Motori 1.6 THP : nuova generazione Euro 6, prestazionali e sobri

Sulla Peugeot 508 è stato inaugurato il nuovo motore Euro 6 Turbo benzina. Si tratta dell’unità 1.6 litri THP da 165 CV con sistema Stop & Start, la quale sarà disponibile sia con cambio manuale sei rapporti che con il nuovo cambio automatico a sei rapporti EAT6.

Questo nuovo motore turbo benzina a iniezione diretta, derivato dalla base del motore Prince sviluppato in collaborazione con BMW Group, sostituisce l’1.6 THP 155 Euro5. Guadagna 10 CV e ha emissioni di CO2 ridotte a partire da 129 g/km di CO2, mentre con i motori della generazione precedente nei casi migliori le emissioni erano di 144 g/km.

Una riprogettazione del turbo, da parte degli ingegneri francesi, ha permesso di incrementare la potenza e di ridurre il ritardo di risposta nelle riprese ai bassi regimi (turbo lag). La pressione di iniezione è passata da 120 a 200 bar, per una migliore polverizzazione del carburante, il che migliora la combustione e riduce sensibilmente le emissioni inquinanti. L’aumento di pressione associato a una nuova inclinazione del getto di carburante, ad una strategia a 2 iniezioni e ad un avvio del motore ad alta pressione permette, tra l’altro, di ridurre in modo significativo le emissioni di particolato.

Una terza motorizzazione 1.6 THP Euro 6 da 208 CV sarà inaugurata dalla PEUGEOT 208 GTi 30th entro fine anno.

Motori BlueHDi : la tecnologia antinquinamento Diesel più efficace del mercato, con un anno di anticipo sulla norma Euro 6

Il nuovo motore 1.6 BlueHDi 120 associato a un cambio meccanico a 6 marce permette di stabilire il record dei consumi con 3,1/100 km, pari a 82 g/km di CO2. Questa motorizzazione, dopo aver equipaggiato la 308 e la 308 SW, verrà estesa anche sulla 208, sulla 2008, sulla 3008 e sulla 5008.

Infine il nuovo motore 2.0 BlueHDi, nelle versioni da 150 CV e 180 CV, permetterà consumi di soli 4.2 litri ogni 100 chilometri con emissioni comprese tra i 105 e i 114 grammi al chilometro di CO2. Tale propulsore verrà montato sulla 508, sulla 308 e 308 SW, sulla 3008 e sulla 5008, abbinato sia al cambio manuale che a quello automatico EAT6.

Grazie all’esclusiva associazione tra la SCR (Selective Catalytic Reduction) e il FAP® con additivo, la tecnologia BlueHDi permette ai motori Diesel di nuova generazione di ridurre gli NOx fino al 90%, di ottimizzare le emissioni di CO2 e i consumi, continuando ad assicurare l’eliminazione del 99,9 % del particolato.

La tecnologia BlueHDi soddisfa già ampiamente la norma Euro 6 Diesel e presenta il migliore potenziale per le future norme di disinquinamento.

 

Autore: Matteo Di Lallo

Potrebbe interessarti

Binomio al vertice per DS Virgin Racing nella tappa argentina della Formula E

Il Team DS Virgin Racing sbarca fiducioso in America del Sud per l’ePrix di Buenos …