lunedì, 23 aprile 2018 - 11:30
Home / Notizie / Mercato / Pietro Innocenti, Direttore di Porsche Italia: un 2016 di emozioni e di successi

Pietro Innocenti, Direttore di Porsche Italia: un 2016 di emozioni e di successi

Tempo di lettura: 2 minuti.

Nella cornice natalizia del Centro Porsche Milano Est, primo dei 4 Centri Porsche Classic italiani, Pietro Innocenti, Direttore Generale di Porsche Italia, ci ha raccontato il 2016 del Marchio tedesco, con alcune interessanti suggestioni per il futuro.

A Le Mans, per quanto con la complicità del ritiro di un grande avversario, Porsche ha conquistato la diciottesima vittoria assoluta nella 24 Ore, passo fondamentale per aggiudicarsi poi i due titoli Mondiali costruttori e piloti. Le vendite confermano un andamento molto positivo: gli Stati Uniti, insieme alla Cina, continuano ad essere i principali mercati ma l’Europa è il continente che, nonostante la maturità del mercato, cresce di più e anche grazie al contributo dell’Italia. In totale, a fine ottobre, Porsche ha consegnato in tutto il mondo 178.314 vetture, pari ad un aumento del 3% rispetto allo stesso periodo del 2015 e negli ultimi tre mesi prevediamo una performance ancora più robusta grazie all’arrivo della nuova Panamera”.

Un successo che si lega al favore di cui il brand gode tra i clienti: nel 2016 il Marchio Porsche ha infatti vinto nuovamente, per la dodicesima volta consecutiva la classifica assoluta del J.D. Power APEAL. In questa speciale classifica, inoltre, i modelli Porsche 911, Boxster e Macan occupano la prima posizione nelle rispettive categorie.

“Come Porsche Italia confermiamo anche quest’anno un andamento molto positivo – continua Innocenti – superando ampiamente i nostri obiettivi, se pur condizionati da una disponibilità di alcune versioni non sempre allineata alla straordinaria richiesta dei nostri clienti“.

La filiale italiana, che ha sede a Padova e che controlla due concessionarie (nella città Veneta e a Milano) chiuderà il 2016 ancora sopra quota 5.000, grazie al confermato successo di Macan e Cayenne e ad una forte crescita delle sportive (911 in testa, seguita dalla 718). Molto positivo l’arrivo della debuttante nuova Panamera, disponibile da ottobre e accolta con grande favore dalla clientela.

“Il nostro impegno – continua Pietro Innocenti – non si limita alle vendite: abbiamo mantenuto fede alla promessa di continuare a far crescere la nostra attività Classic: oltre a Padova e Milano sono ora operativi i Partner Classic di Roma e Catania. Abbiamo celebrato 10 anni di impegno nel motorsport con la decima edizione della Carrera Cup Italia a cui abbiamo aggiunto quest’anno la Cayman Cup Italia. Le attività cliente si confermano centrali nella nostra strategia, con eventi come il Porsche Festival (destinato ad accogliere in modo trasversale i clienti Porsche che partecipano con vetture di tutte le epoche) che dall’anno prossimo ospiterà anche una gara della Carrera Cup. Per concludere, ci tengo a sottolineare il nostro impegno, assieme a quello dei nostri clienti e partner, a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in centro Italia. Durante il Porsche Festival di Misano abbiamo infatti messo all’asta una vettura e diversi oggetti provenienti dal nostro museo di Zuffenhausen i cui proventi sono stati devoluti alla Protezione Civile per progetti a sostegno delle zone colpite.”

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Libertà Peugeot

Con Libertà Peugeot cambia il modo di guidare un veicolo del Leone

Tempo di lettura: 1 minuto. Figlia di una moda iniziata ormai da qualche anno anche il costruttore francese si allinea …

something