in

Porsche Carrera Cup Italia 2016: tante novità per la 10° edizione

Tempo di lettura: 2 minuti

Si è tenuta questa mattina a Milano la Season Preview della Porsche Carrera Cup Italia con l’obiettivo di amalgamare ancora meglio le tre anime che compongono il monomarca italiano di Porsche, “pro”, “rookie” e “gentleman driver”.

I titoli in palio saranno sempre due: Assoluto e Michelin Cup per i piloti gentleman. Ma la vera rivoluzione è nel format di gara che permetterà di dividere una vettura fra due driver, anche se ogni pilota marcherà punti individualmente. Ciascuno dei sette weekend di gara sarà infatti composto da tre gare, due Sprint da 25’ con partenza da fermo che si disputeranno il sabato, e una mini-endurance di 45’ con start lanciato alla domenica con sosta obbligatoria tra il 20° e il 26° minuto. Inoltre abbiamo introdotto un nuovo premio destinato al Centro Porsche che, in partnership con un team, vincerà la classifica Carrera Cup Italia riservata alle squadre”.

Il nuovo format nel dettaglio: 3 gare per tappa

Grazie al nuovo format, la partecipazione al Campionato sarà estesa a un parterre più ampio di team e piloti e sarà possibile equiparare le chances di vittoria tra chi corre da solo e chi corre in coppia. Naturalmente, come sempre accade, saranno il talento del pilota e la preparazione della squadra a fare la differenza. Con il nuovo format aumenterà l’importanza del team, che sarà chiamato a gestire strategie, pit stop, cambi pilota. Il tutto all’insegna della professionalità, ma anche della spettacolarità che ha sempre contraddistinto questo agguerritissimo monomarca.

Ciascuna gara Sprint sarà disputata da un pilota (chi corre da solo potrà scegliere il punteggio da far valere per la classifica), mentre nella gara di durata il punteggio verrà attribuito all’equipaggio. Le griglie di partenza delle gare Sprint saranno definite da due turni di qualifiche da 15’, mentre lo schieramento domenicale della gara endurance verrà stilato sommando i giri più veloci ottenuti nelle due sessioni cronometrate. I piloti avranno la possibilità di stare il 30% del tempo in più in pista rispetto al 2015 (il programma prevede anche due turni di prove libere da 40’ per ogni fine settimana).

Il nuovo format ha riscosso interesse anche da parte di numerose squadre internazionali, che intravedono nella serie italiana, proprio per il nuovo format, un’interessante opportunità.

Porsche Italia, nella serie del decennale, ha infine deciso di elevare il montepremi a 300.000 Euro: ci saranno premi in denaro a ogni gara e quelli finali per i primi tre classificati. Al team vincitore invece spetterà un’iscrizione gratuita alla stagione 2017. 

Premiati i Campioni della stagione 2015

Consegna Premi Carrera Cup Italia 2015

Al termine della conferenza stampa di presentazione della Carrera Cup Italia 2016 sono stati celebrati i Campioni della serie 2015. Grande festa quindi per Riccardo Agostini, giovane pilota dell’Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova, che ha conquistato in pista lo spazio nell’Albo d’Oro della serie italiana.

Se Riccardo Agostini è il Campione della Carrera Cup Italia 2015, lo Tsunami RT è la squadra che si è aggiudicata la classifica team. La squadra diretta da Stelios Fakalis, con sede a San Marino, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento grazie ai risultati ottenuti da Côme Ledogar, il francese che ha lottato per il titolo assoluto fino all’ultima gara, e dall’ucraino Oleksandr Gaidai. Lo Tsunami RT, presente nel monomarca tricolore riservato alle 911 GT3 Cup dal 2010, grazie alla conquista del titolo godrà dell’iscrizione gratuita nella rinnovata serie 2016 che festeggia quest’anno il decennale della sua storia.

Carrera Cup Italia 2016: il calendario

30 aprile, 1 Maggio, Monza
28-29 Maggio, Imola
11-12 Giugno, Misano
16-17 Luglio, Mugello
10-11 Settembre, Vallelunga
24-25 Settembre, Imola (o gara in Europa)
15-16 Ottobre, Mugello.

Guidatore della domenica

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

L’orgoglio italiano al Salone di Ginevra 2016: quali auto ci saranno?

Mercedes #IoSonoElettrica Tour si conclude al Museo dell’Automobile di Torino