in

Porsche Carrera Cup Italia: si torna in pista a Vallelunga

Foto di Alex Galli
Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo quasi due mesi di stop, la Carrera Cup Italia è pronta a tornare in pista questo fine settimana sull’impegnativo tracciato di Vallelunga, quinto dei sette appuntamenti della stagione 2016.

Tanti i protagonisti attesi al via di un weekend che potrebbe segnare una svolta decisiva per i contendenti dello scettro del monomarca targato Porsche Italia. Tra questi non mancherà l’attuale leader della serie Come Ledogar (Tsunami RT – Centro Porsche Padova). Sono pronti, invece, ad insidiare il pilota francese due giovani dello Scholarship Programme, Alessio Rovera (Ebimotors – Centro Porsche Verona) e Mattia Drudi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena), con quest’ultimo reduce dall’ indimenticabile weekend di Monza della Porsche Mobil 1 Supercup che l’ha visto salire sul terzo gradino del podio sempre sotto i colori della compagine di Maurizio Lusuardi.

Non resterà a guardare Enrico Fulgenzi (TAM Racing – Centro Porsche Latina), che dopo le gare del Mugello sembra aver ritrovato il sentiero giusto per essere competitivo al cento per cento e di poter lottare con i piloti della parte alta della classifica, scenario congeniale allo jesino che nel 2013 ha conquistato il titolo della Carrera Cup Italia. Da evidenziare è anche la presenza del pilota di “casa” Daniele Di Amato, anche lui protagonista come Drudi del fine settimana brianzolo con il sesto posto in classifica. La presenza di giovani continua con Eric Scalvini (Dinamic Motorsport) ed il duo della Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano, riunito dopo il round del Mugello che aveva visto l’assenza per motivi di salute di Kevin Giovesi, pronto a tornare in pista con il calabrese Simone Iaquinta.

Non da meno sarà lo spettacolo nella Michelin Cup, che quest’anno sta vedendo due piloti alternarsi in vetta al raggruppamento dedicato ai gentlemen driver: Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Roma) ed Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport) anche lui in evidenza a Monza nella Porsche Mobil 1 Supercup dove ha chiuso la gara con un buon quindicesimo posto. Da tenere sott’occhio è anche il lombardo Stefano Zanini (Dinamic – Centro Porsche Bologna), che al suo primo anno nel Campionato Porsche ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per ambire al vertice della classe.

Il programma di Vallelunga prevede come consuetudine le prove libere il venerdì ed i due turni di qualifica. Le due corse sprint (25′ + 1 giro) si terranno sabato, con Gara 1 alle 11,20, mentre Gara 2 sarà alle 18.15, entrambe live su Eurosport 2. Nella giornata di domenica l’attenzione si sposta su Gara 3 (45’+ 1 giro) alle 12.00 con la diretta su DMAX, l’emittente di Discovery Italia visibile sul canale 52 del Digitale Terrestre, mentre lo streaming on line di tutte le gare è disponibile sul sito internet www.carreracupitalia.it

Gli appassionati potranno seguirci anche su Twitter per il live dal weekend di gare con gli account @auto_app e @carreracupitaly.

Le classifiche

Assoluta: 1. Ledogar 139; 2. Rovera 112; 3. Drudi 108; 4. Fulgenzi 90; 5. Scalvini 79; 6. Di Amato 75; 7. Grenier 74; 8. Gaidai 68; 9. Iaquinta 59; 10. De Giacomi 45; 11. Cairoli 43; 12. Cassarà 41; 13. Quaresmini 32; 14. Giovesi 30; 15. Zanini 30; 16. Torta 24; 17. Pellegrini 23; 18. Solieri 16; 19. Giraudi 14; 20. Ben 14; 21. Selva 11; 21. Koller 6

Michelin Cup: 1. Cassarà 81; 2. De Giacomi 77; 3. Zanini 65; 4. Pellegrini 51; 5. Ben 42; 6. Solieri e Selva 23; 8. Minetti 4

Team: 1. Dinamic Motorsport 182; 2. Tsunami RT 170; 3. Ebimotors 166; 4. TAM-Racing 112; 5. Ghinzani Arco Motorsport 94,5; 6. Dinamic 43.

Le statistiche

Vittorie: Ledogar 5, Drudi 4, Cairoli 3
Pole position: Ledogar 3, Cairoli e Drudi 2, Giraudi 1
Giro più veloce: Ledogar e Drudi 4, Cairoli 3, Giraudi 1

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Valentina Albanese nuovo responsabile Motorsport di Porsche Italia

Fiat 500 ha qualcosa da farsi perdonare