martedì, 16 ottobre 2018 - 3:08
Home / Notizie / Curiosità / Porsche Driving Experience: ecco come si impara a guidare (davvero) una Porsche
Porsche Driving Experience

Porsche Driving Experience: ecco come si impara a guidare (davvero) una Porsche

Tempo di lettura: 3 minuti.

Possedete una Porsche o ne vorreste una? Oppure semplicemente vorreste guidarne una Porsche in circuito e imparare a portarla al limite? Per questo, e molto altro, è nata la Porsche Driving Experience, una “costola” del Motorsport targato Porsche Italia.

In cosa consiste la Porsche Driving Experience? Innanzitutto sono dei corsi, della durata di uno o due giorni, durante i quali si imparano tecniche e segreti delle Porsche più sportive, in modo da aumentare il proprio bagaglio automobilistico. Noi abbiamo partecipato ad uno dei corsi della Porsche Driving Experience, organizzato fuori programma per farci testare le capacità di  Cayman 718 GTS, 911 GTS e 911 GT3, abbinata a pneumatici Michelin Pilot Sport 4S e Pilot Sport Cup 2 e all’ultimissimo sistema Michelin Track Connect da noi provato. A tal proposito è da sottolineare che uno dei partner principali di questa speciale scuola di guida è proprio il produttore di gomme francese, che dal 1961 investe sul marchio di Zuffenhausen in ricerca, sviluppo e sponsorship.

6 corsi Porsche Driving Experience, più gli extra

Si parte dal Warm-up, corso di un giorno per imparare le tecniche base per una guida sicura e dinamica, sia nell’area handling che in pista, il tutto a bordo della 911 Carrera S e 4S con cambio PDK. Quattro gruppi composti da non più di 8 partecipanti ciascuno, seguiti ognuno da 2 istruttori Porsche affrontano in aula e in specifiche aree attrezzate le tecniche di base per una guida sicura e dinamica.

Successivamente, un gradino sopra, troviamo il Power, un’intensa giornata di pista nel quale si possono imparare i segreti della guida sportiva accompagnati dagli istruttori Porsche. È possibile partecipare con la propria Porsche oppure con Carrera S e Carrera 4S, ovviamente a prezzi differenti.

Il corso Precision, invece, rappresenta il primo livello raggiunto ed è formato dall’unione del Warm-up con il Power, per un totale di due giorni di apprendimento e divertimento su pista.

Al secondo livello troviamo subito un corso di due giorni, che necessita il completamento di Precision o di Power per accedere. Si chiama Performance e permetterà di affinare le competenze di guida acquisite nei corsi precedenti. Le attività sono pensate per migliorare la padronanza della vettura in situazioni al limite. Il controllo del veicolo viene affinato grazie alle sessioni intensive di sottosterzo e sovrasterzo. 

Porsche Driving Experience

Al terzo livello, una volta completato lo step Performance, si può affrontare il corso GT3, che si pone al vertice dei livelli di addestramento della Porsche Driving Experience, riservato a pochi partecipanti e della durata di un giorno.

L’obiettivo del corso è quello di perfezionare le tecniche di guida in pista con un’attenzione particolare a tutte quelle sfumature tipiche della guida agonistica, condizioni fondamentali per poter “dialogare” in sicurezza con vetture dalle prestazioni veramente elevate, come la 911 GT3 che si guida durante questo corso di livello avanzato. I dati poi vengono analizzati attraverso una telemetria professionale.

Questo quarto step, però, non è il livello più alto, poiché esiste il corso Race, che prevede l’utilizzo della Cayman GT4 Clubsport, un’auto da corsa con pneumatici slick, per affinare la propria guida con un’ottica agonistica. Un pilota viene dedicato ad ogni cliente in uno speciale rapporto 1 a 1, insieme alla telemetria.

Per quanto riguarda gli extra, infine, è possibile partecipare all’Ice Experience, corsi ideati per divertirsi e fornire maggiore consapevolezza di guida sulla neve. Gli Ice Camp sono utili anche per scoprire i segreti necessari a condurre le vetture Porsche in tutta sicurezza sulla più insidiosa delle superfici. La durata è di uno o due giorni, a bordo di 911 Carrera S, 4S e Macan.

Tra gli ultimi nati, poi, c’è il corso Offroad, finalizzato ad aumentare la confidenza con la propria vettura fuori dai percorsi ordinari e gestire al meglio le situazioni di scarsa aderenza. La durata è di un giorno e si può partecipare con la propria vettura oppure con Cayenne e Macan.

Ultimo, ma non per importanza, è il corso Classic, totalmente dedicato alla riscoperta di quel piacere “analogico” che solo le vetture Classic possono dare. Ottimo strumento per riconoscere a fondo la propria vettura e le sue potenzialità. Si svolge solo con vettura personale, per la durata di un giorno, sia in area handling, sia in pista.

Power è stato il corso che abbiamo seguito noi e possiamo assicurarvi che il risultato è molto soddisfacente. Professionalità, educazione e preparazione da parte del team Porsche Driving Experience, tanto divertimento e, soprattutto, una consapevolezza dei propri mezzi e di quelli della vettura, capaci di sorprendere anche i più scettici. Provare per credere.

Tutte le informazioni sul sito della Porsche Driving Experience https://pde.porscheitalia.com/.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Citroen Berlingo

Citroen Berlingo: la famiglia può crearsi il suo stemma personalizzato

Fresco di mercato, il nuovo Citroen Berlingo si dimostra ancora più vicino alle esigenze delle …

something