martedì, 15 Ottobre 2019 - 6:44
Home / Notizie / Motorsport / Rally di Alba 2019: Sebastien Loeb è l’ospite d’eccezione del Campionato Italiano WRC
Rally di Alba 2019

Rally di Alba 2019: Sebastien Loeb è l’ospite d’eccezione del Campionato Italiano WRC

Tempo di lettura: 2 minuti.

Tutto pronto ad Alba, perla del Piemonte e dell’Italia che funziona, per il Rally di Alba 2019, quinto appuntamento del Campionato Italiano WRC. Un’occasione ghiotta per vedere all’opera il nove volte campione del mondo WRC, da molti riconosciuto come il pilota migliore di sempre della specialità: niente meno che Sebastien Loeb!

Se lui è il protagonista annunciato del weekend, assieme alla sua Hyundai i20 Coupé WRC Plus (sfrutterà gli asfalti delle Langhe in preparazione al Rally di Germania, in programma dal 22 al 25), saranno ben 182 gli iscritti al via del Rally di Alba 2019.

La gara albese, organizzata dalla Cinzano Rally Team, è pronta per il penultimo round stagionale del tricolore, valido anche per la Coppa Rally di Zona [Zona 1] che si correrà questo fine settimana in Piemonte sulle strade delle Langhe. 8 le WRC presenti, con Hyundai Motorsport in prima fila con la presenza del Team Director Andrea Adamo.

Loeb a parte, occhi puntati su Simone Miele e Roberto Mometti, già trionfatori nell’edizione 2016. Molto quotato anche l’equipaggio con il maggior numero di vittorie all’attivo in questo CIWRC 2019. Luca Pedersoli e Anna Tomasi su Citroen DS3 WRC arrivano in Piemonte con due vittorie su quattro rally disputati, l’ultima al Rally della Marca.

rally di alba 2019

Reduce dal Rally di Roma Capitale, vuole concludere in bellezza un mese sempre al volante della sua i20 R5 il veronese Umberto Scandola. Il pilota del CIR Terra, sempre con Guido D’Amore, potrà continuare a sviluppare il feeling con la vettura anche su asfalto, sempre supportato da Hyundai Rally Team Italia.

Stessa R5 anche per il francese ex ufficiale Subaru Stephane Sarrazin con Jaques-Julien Renucci, ma soprattutto per il giovane norvegese proveniente dal World Rally Championship Ole Christian Veiby, navigato dallo svedese Jonas Andersson, anche lui per fare chilometri su asfalto in questa occasione su una i20.

Pronte anche le due Ford Fiesta WRC di Alessandro Gino, con Marco Ravera vincitore delle ultime due edizioni nella capitale del tartufo e Lorenzo Della Casa con Domenico Pozzi, entrambi da outsider del Campionato. Folta anche la rappresentanza delle R5, con 28 vetture iscritte al Rally di Alba 2019.

Rally di Alba 2019: il programma dell’evento

Rally di Alba 2019

Si inizia nella serata di venerdì 26 luglio durante “Una Notte al Castello”, la sessione di autografi prevista presso il Castello di Grinzane Cavour, cuore pulsante delle Langhe, Patrimonio Mondiale dell’Umanità – Unesco.

I motori si accendono nella giornata di sabato 27 luglio con lo shakedown a Cherasco, seguito dalla cerimonia di partenza in piazza Michele Ferrero nel centro di Alba. Dopo la pedana si parte con la Super Prova Speciale #RA Show che chiuderà la prima parentesi della due giorni albese.

Gli appassionati e il pubblico presente al Rally di Alba potranno ammirare su strada anche la gamma ad alte prestazioni del brand N, che farà da apripista ufficiale della gara: ad attirare l’attenzione degli spettatori saranno la Hyundai i30 N 5 porte, il primo modello high performance di Hyundai che noi abbiamo già avuto modo di provare. A lei si unirà alla Hyundai i30 Fastback N che combina un design sofisticato ed elegante alla garanzia del divertimento di guida targato “N”.

Domenica 28 sarà un’intensa giornata di gara con quasi 370 km di percorso complessivo suddiviso su altri 7 tratti cronometrati fino al rientro in piazza Ferrero, intorno alle ore 18, per la Premiazione finale. Per il percorso ufficiale, nonchè altre informazioni pratiche, questo è il sito ufficiale del Rally di Alba 2019.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Ciuffi-Gonella, campioni rally italiano due ruote motrici 2019

Ciuffi e Gonella vincono l’Italiano due ruote motrici con Peugeot 208

Le buone premesse della vigilia, quando intervistammo sia Tommaso Ciuffi sia il suo navigatore Nicolò …