lunedì, 16 Dicembre 2019 - 6:16
Home / Notizie / Motorsport / Prove Libere GP Austria 2019: Leclerc si mette in luce nella seconda sessione
prove libere gp austria 2019

Prove Libere GP Austria 2019: Leclerc si mette in luce nella seconda sessione

Tempo di lettura: 2 minuti.

Prove libere del GP Austria che si chiudono in questo venerdì di caldo torrido, anche nel paese che ha dato i natali ad Arnold Schwarzenegger, nel segno degli incidenti e della Ferrari di Charles Leclerc, con il monegasco che ha fatto segnare il miglior tempo nella seconda sessione. Nella prima il più veloce è stato Lewis Hamilton, con tempi più veloci rispetto al pomeriggio.

In seconda posizione in questo venerdì pomeriggio un Valtteri Bottas che si è issato davanti al compagno, girando circa 5 decimi più lento del suo miglior crono del mattino, dopo la “lezione” rimendiata domenica scorsa al Paul Ricard, per poi finire rovinosamente contro le barriere e terminare così il suo venerdì austriaco.

Gli incidenti non si sono fermati qui, offrendo più spettacolo, fortunatamente senza gravi conseguenze per i piloti, rispetto a un’intera ora e mezza del GP di Francia, uno dei più noiosi di sempre.

A essere coinvolti in un impatto con le barriere anche Max Verstappen, vincitore sul suolo austriaco un anno fa, mentre Vettel è riuscito a evitare le barriere all’uscita della curva che immette sul traguardo, una piega a destra che ha creato non pochi problemi anche nelle scorse edizioni del GP d’Austria, tornato in calendario nel 2019.

Max Verstappen distrugge il retrotreno della sua RB15
Il “quasi contatto” di Vettel contro le barriere

Prove libere GP Austria: la sintesi del venerdì

Con la SF90 in attesa di corposi aggiornamenti, nonostante sia già stata provata una nuova ala anteriore dotata di nuovi supporti, Leclerc ha finito davanti a tutti nella seconda sessione ma è stato Vettel a girare più forte in mattinata, con un tempo di 1:04.982, a soli 0,144 millesimi da Hamilton.

I tempi si sono alzati tra le due sessioni sia per l’aumento della temperatura (51° sull’asfalto del Red Bull Ring) sia per il vento forte che ha creato qualche grattacapo ai piloti.

Infine, piccola incompresione tra il più veloce della seconda sessione e Antonio Giovinazzi, ancora alla ricerca dei primi punti stagionali dopo una bella prestazione in qualifica al Paul Ricard.

La classifica della seconda sessione di prove libere GP Austria 2019

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Nuova Opel Corsa-e Rally

Opel Corsa-e Rally: la prima auto rally elettrica della casa

Opel Corsa-e Rally è la nuova auto rally elettrica a batteria realizzata dalla casa di …