in

Qualifiche Barcellona F1: Hamilton mette la n.92, Bottas al suo fianco

qualifiche barcellona f1 2020
Tempo di lettura: 2 minuti

Tutte da scrivere queste qualifiche del sesto round iridato: si corre, nel weekend di Ferragosto, sul circuito di Catalunya, abitualmente in calendario nel mese di maggio, quest’anno spostato ad agosto causa pandemia. Sul tracciato spagnolo la temperatura è…estiva: 49,3° C sull’asfalto, 30,6° C nell’atmosfera.

Intanto, nella FP3 di questo sabato mattina, si è sfiorato l’incidente clamoroso tra Magnussen, colpevole di aver rallentato all’uscita della velocissima curva 3, e Ocon, che per evitarlo si è trovato costretto a indirizzare la sua monoposto contro le barriere. Ecco il video del misfatto cui non è seguita una penalizzazione per il danese: la sua telemetria ha provato che non ha toccato i freni…

Inizia così la Q1 delle qualifiche a Barcellona: non hanno problemi le due Mercedes a piazzarsi subito davanti, in posizione sicura (qualcuno poteva avere dubbi?), con le due Racing Point di Stroll e del rientrante Perez, ormai negativo al tampone, seconda e terza, davanti a Bottas.

Vengono eliminati dal Q1 Magnussen, Grosjean, Russell, Latifi e Giovinazzi. L’italiano è desolatamente ultimo mentre Raikkonen, almeno questo sabato, riesce a passare la tagliola del Q1: è la prima volta in sei qualifiche quest’anno per il finlandese.

Tutti i piloti montano la gomma soft (banda rossa) per tentare l’accesso al Q3, o per qualificarsi, ma nel Q2 un altro colpo di scena che tanto colpo di scena non è: Vettel si piazza 11°, è il primo degli esclusi e domani per lui si preannuncia un’altra rimonta. Continua a logorarsi il rapporto tra il tedesco e la Ferrari, con una SF1000 ormai cucita su misura per Leclerc e che Vettel non riesce a guidare come vorrebbe: i risultati sono purtroppo evidenti.

Come si legge dal Tweet sul profilo ufficiale della pagina di F1 eliminati con lui Kvyat, Ricciardo, Raikkonen e Ocon. Questi 5 piloti, insieme ai primi eliminati nel Q1, potranno cambiare mescola per la gara mentre la top 10 partirà tutta con la gomma soft.

A giocarsi tutto in Q3, così come le prime cinque file, abbiamo quindi le due Mercedes, le due Red Bull, le due Racing Point, le due McLaren e le due Alpha Tauri e Ferrari superstiti, rispettivamente quella di Gasly e quella di Leclerc.

Da notare che Norris si è classificato 10° mettendo fuori Vettel per soli 4 millesimi, davvero un niente

In Q3 delle qualifiche a Barcellona si piazzano subito al sicuro, grazie, anche, al party mode che verrà messo fuori legge a partire dal Belgio, sia Hamilton (1:15.584) sia Bottas, già a 7 decimi Verstappen. Distacchi “reali” almeno fino alla 5° posizione, occupata al momento da Stroll. Dal sesto in giù la prestazione è stata ottenuta con gomma soft usata.

Tutti montano un set di gomme nuove per il giro buono, si decide la pole position. Nessuno si migliora quindi davanti a tutti, ancora una volta, troviamo Lewis Hamilton, seguito da Bottas e da Verstappen; vedremo se l’olandese saprà seguire come un’ombra i due della Mercedes tentando di ripetere la prestazione di pochi giorni fa a Silverstone. Dietro di loro, in top ten, Perez, Stroll, Albon, Sainz, Norris, Leclerc, solo 9°, e Gasly.

Si avvicina alle 100 pole position in carriera il quasi sette volte campione del mondo.

Ecco la griglia di partenza del GP di Barcellona 2020

Dì la tua

Accise carburante

Decreto Rilancio agosto: UNRAE è soddisfatta dell’iniziativa del governo

gp barcellona f1

GP Barcellona F1: Hamilton vince e va a meno tre da Schumacher