lunedì, 1 Giugno 2020 - 1:59
Home / Notizie / Motorsport / Rally Gruppo B: auto leggendarie che danzavano tra le ali di folla [VIDEO]

Rally Gruppo B: auto leggendarie che danzavano tra le ali di folla [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti.

Lancia Delta S4, Audi Quattro, Lancia Rally 037, Toyota Celica, sono solo alcune delle leggende che ha fatto parte di questa categoria chiamata Rally Gruppo B, auto che arrivavano a 600 CV a fronte di un peso di circa 900 kg. Auto che andavano talmente forte da essere ricordate come le auto da rally più impegnative di sempre da domare.

Le Gruppo B: che storia

L’accesso alla categoria ebbe ben poche limitazioni, infatti, per ottenere l’omologazione erano necessarie solamente 200 autovetture del modello di base, ed era inoltre richiesta la produzione di soli ulteriori 20 esemplari per ogni “evoluzione” dell’auto. Si trattava di una categoria studiata su misura per i grandi costruttori di automobili, senza dover sopportare gli oneri di industrializzazione e produzione in grande serie, avevano a disposizione una categoria per sperimentare liberamente nuovi ritrovati tecnici e per competere per la vittoria assoluta.

I Rally con le vetture di Gruppo B ebbe un grande successo iniziale, poiché diversi costruttori aderirono al campionato del mondo rally e gli spettatori seguivano con grande passione le gare. Il problema furono i costi alti che le Case auto avevano iniziato a sostenere per sviluppare le Gruppo B e renderle sempre più performanti. Inoltre, il risvolto negativo di questa continua ricerca delle massime prestazioni è che le auto sono diventate sempre più impegnative, causando non pochi tragici incidenti, ma anche questo è un punto che alla fine ha contribuito alla creazione di una vera e propria aura leggendaria attorno a questa categoria degli anni ’80. Le Gruppo B sono state abolite alla fine del 1986, per quattro anni che rimangono ancora ben impressi nella mente degli appassionati.

Walter Rohrl, Hannu Mikkola, Stig Blomqvist, Timo Salonen e Juha Kankkunen hanno lasciato il segno nell’Albo d’Oro, con Lancia, Audi e Peugeot che si sono aggiudicati il titolo di Scuderie vincitrici.

Riviviamo quei momenti epici in questo straordinario video. Passione a tutto volume!

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

24 ore di le mans virtuale

24 Ore di le Mans virtuale: Ferrari la prende sul serio

Anche Ferrari conferma il suo impegno in una 24 Ore di Le Mans virtuale che …