in

Razzismo in Tesla: condanna a pagare 137 milioni a un ex dipendente. Tutta la vicenda

Tempo di lettura: 3 minuti

Brutta notizia per Tesla, come riporta la CNBC, che è stata condannata dalla corte federale di San Francisco a pagare un risarcimento di 137 milioni di dollari a Owen Diaz, un ex dipendente che aveva denunciato l’azienda californiana per abusi a sfondo razziale subiti durante il suo lavoro nella sede di Palo Alto. Una storia di razzismo in Tesla che ha portato a un risarcimento altissimo.

“Un ambiente di lavoro ostile”: così Diaz definisce la sua esperienza in Tesla, dall’assunzione nel 2015 attraverso un’agenzia di collocamento (Citistaff), fino alla fine della sua esperienza in azienda, nel 2016. Chiamato con termini dispregiativi insieme ad altri colleghi neri, “mi è stato detto di tornare in Africa” asserisce Diaz durante il processo, a cui si arrivati poiché il dipendente in questione non aveva siglato l’accordo di arbitrato obbligatorio, che vincola chi è assunto a dirimere internamente le dispute. Si è arrivati al risarcimento di 137 milioni di dollari, addirittura più di quanto richiesto dallo stesso avvocato del signor Diaz.

Pronta la risposta alle accuse di razzismo in Tesla da parte della responsabile delle risorse umane dell’azienda, Valerie Capers Workman. Riportiamo la nota integrale tradotta:

Buongiorno team,

Oggi, una giuria di San Francisco ha deciso che dalla fine del 2015 e all’inizio del 2016 Tesla non è riuscita a garantire che un dipendente a contratto (Owen Diaz) non fosse molestato a livello razziale mentre lavorava nella fabbrica di Tesla Fremont. Ho ascoltato le parole di ogni testimone. Ero al tavolo della difesa per Tesla ogni giorno durante il processo perché volevo sentire in prima persona quello che il signor Diaz aveva da raccontare. È importante capire i fatti di questo caso. Ecco cosa ha sentito la giuria:

– Il signor Diaz non ha mai lavorato per Tesla. Era un dipendente a contratto che lavorava per Citistaff.

– Il signor Diaz ha lavorato come operatore di ascensori presso lo stabilimento di Fremont per nove mesi, da giugno 2015 a marzo 2016.

– Oltre al signor Diaz, altri tre testimoni (tutti dipendenti a contratto non Tesla) hanno testimoniato al processo di aver sentito regolarmente insulti razzisti (compresa la parola N) nello stabilimento di Fremont. Mentre erano tutti d’accordo sul fatto che l’uso della parola N non fosse appropriato sul posto di lavoro, erano anche d’accordo sul fatto che la maggior parte delle volte hanno pensato che questo linguaggio fosse utilizzato in modo “amichevole” e di solito da colleghi afroamericani. Hanno anche detto alla giuria dei graffiti razzisti nei bagni, che sono stati rimossi dal nostro personale di portineria;

– Non c’erano altre testimonianze di altri riguardo l’utilizzo della parola N usata contro il signor Diaz;

– Il signor Diaz ha presentato reclami scritti ai suoi supervisori non Tesla. Questi sono stati ben documentati nei nove mesi in cui ha lavorato nella nostra fabbrica. Ma non si è lamentato della parola in questione fino a quando non è stato assunto a tempo pieno da Tesla e dopo aver preso un avvocato;

– Le tre volte in cui il signor Diaz si è lamentato delle molestie subite, Tesla è intervenuta e si è assicurata che le agenzie del personale intraprendessero un’azione tempestiva: due appaltatori sono stati licenziati e uno è stato sospeso (che aveva disegnato una vignetta razzista offensiva). Il signor Diaz stesso ha testimoniato di essere “molto soddisfatto” dei risultati di una delle indagini e ha concordato che ci fosse un seguito a ciascuna delle sue lamentele;

– Anche se il signor Diaz ora si lamenta delle molestie razziali a Fremont, nel momento in cui ha detto di essere stato molestato, ha consigliato a suo figlio e sua figlia – mentre vivevano tutti insieme nella stessa casa – di lavorare in Tesla con lui.

Sebbene crediamo fermamente che questi fatti non giustifichino il verdetto raggiunto dalla giuria di San Francisco, riconosciamo che nel 2015 e nel 2016 non siamo stati perfetti. Non siamo ancora perfetti, ma abbiamo fatto molta strada da 5 anni fa. Continuiamo a crescere e a migliorare il modo in cui affrontiamo le preoccupazioni dei dipendenti. A volte sbagliamo e quando ciò accade ne siamo responsabili.

La Tesla del 2015 e del 2016 (quando il signor Diaz lavorava nella fabbrica di Fremont) non è la stessa della Tesla di oggi. Da allora, l’azienda ha aggiunto un team dedicato alle relazioni con i dipendenti, dedicato alle indagini sui reclami dei dipendenti. Tesla ha aggiunto un team Diversity, Equity & Inclusion dedicato a garantire che i dipendenti abbiano pari opportunità di eccellere in Tesla. E Tesla ora dispone di un manuale completo per i dipendenti in cui tutte le nostre politiche sulle risorse umane, le protezioni dei dipendenti e le modalità di segnalazione dei problemi sono pubblicate in un documento online facile da trovare.

Riconosciamo che abbiamo ancora del lavoro da fare per garantire che ogni dipendente senta di poter portare tutto sé stesso al lavoro in azienda. E come ho pubblicato a luglio, continueremo a ricordare a tutti coloro che accedono al posto di lavoro di Tesla che eventuali insulti discriminatori, indipendentemente dall’intento o da chi li sta utilizzando, non saranno tollerati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    maserati Mexico

    Maserati Mexico: la Gran Turismo del Tridente compie 55 anni

    Lamborghini asterion posteriore

    Lamborghini elettrica: la prima avrà 4 posti e la piattaforma Volkswagen