in

Referendum sul Diesel: Salvini contro il bando dei motori termici

Tempo di lettura: 2 minuti

I programmi elettorali dei vari partiti in tema auto sono ormai noti e, a pochi giorni dalla chiamata alle urne, c’è chi non perde l’occasione per farsi notare. In questo caso è Matteo Salvini che, durante un comizio a Rivoli (TO), è tornato sul famoso ban dei motori endotermici che l’Unione Europea ha già stimato, non deciso, per il 2035. La proposta? Un referendum sul Diesel e sui motori benzina, così da premiare la democrazia e il suo popolo.

I partiti di destra sono apertamente contro il passaggio obbligato all’elettrico e lo stesso Salvini non ha mai perso l’occasione di esporre la sua idea, quella di evitare di legarsi alla “dittatura cinese” con “mani e piedi”. La Lega, e con lei sia Fratelli d’Italia sia Forza Italia hanno più volte esposto le loro idee contro quello che sembra condannare la filiera italiana a un passaggio troppo prematuro al full electric. Considerando la carenza di infrastrutture, l’attuale poca appetibilità dell’elettrico per i prezzi troppo alti e l’incertezza su ciò che potrà effettivamente cambiare da qui al 2035, la coalizione si è schierata apertamente contro la decisione dell’UE sul bando dei motori endotermici.

La novità, quindi, è la proposta di un referendum sul Diesel e sul benzina che potrebbe diventare d’attualità se la destra salirà al governo. Chiedere agli italiani cosa ne pensano, vogliamo scommettere, aprirebbe una frattura tra chi è d’accordo con la transizione energetica in “tempi stretti” e chi non vedrebbe l’ora di poter tornare a guidare un’auto termica senza troppe limitazioni.

Queste le parole del segretario della Lega durante il comizio in cui ha proposto il referendum sul Diesel e sui motori benzina, contro la decisione dell’Unione Europea di bandirli dalle vendite a partire dal 2035: “Visto che i geni dell’Europa hanno approvato una norma che mette fuori legge le auto a benzina e Diesel dal 2035, è una follia, significa distruggere il settore dell’auto in Italia, significa licenziare a Torino per dare lavoro a Pechino, allora cosa propone la Lega? Se ci darete la forza di andare al governo un bel referendum popolare in Italia per bloccare questa follia

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    SUV AEHRA Automobili

    Nuovo SUV AEHRA Automobili: in anteprima le prime immagini

    Leclerc a Muschio Selvaggio: “Rivorrei i motori V10”